L'argomento di oggi

IL TETTO DI DIO

La misericordia di Dio è come il cielo che rimane sempre fermo sopra di noi. Sotto questo tetto siamo al sicuro, dovunque ci troviamo.

Martin Lutero

La riflessione di oggi

È, questa, la voce di Martin Lutero (1483-1546). La facciamo risuonare nella giornata che segna ogni anno l'apertura della Settimana di preghiere per l'unità dei cristiani, una consuetudine che unisce Chiese e comunità nell'invocazione a Dio del dono della comunione reciproca ritrovata. Nella Bibbia il cielo è considerato come una calotta metallica (il «firmamento») che incombe stabile sulla terra. È la stessa immagine che il celebre riformatore usa per descrivere la bontà misericordiosa di Dio: essa è il tetto della casa del mondo ove gli uomini e le donne vivono, agiscono, peccano, pregano, amano. Su questa folla, quindi, non è fisso un occhio che atterrisce. Certo «il Signore dal cielo si china sui figli dell'uomo per vedere se c'è un uomo saggio, uno che cerchi Dio». E la scoperta che spesso fa è «che essi sono tutti traviati, tutti corrotti» (Salmo 14,2-3).

C'è, dunque, uno sguardo di giustizia; ma a prevalere è l'occhio sorridente dell'amore paterno. E a questo punto vorremmo accostare a quello di Lutero un passo del Diario di Etty Hillesum, donna di grande intelligenza e spiritualità che abbiamo già in un'altra occasione evocata. Come lei scrive, è «una buffa immagine», eppur profonda: anche noi nelle nostre case, nei nostri cuori possiamo offrire un tetto a Dio perché dimori con noi e in noi. Ecco le sue parole: «Ti prometto, o Dio, che cercherò sempre di trovarti una casa, un ricovero. Io mi metto in cammino e cerco un tetto per te. Ci sono tante case vuote, te le offro come all'ospite più importante». È, questa, una continuazione ideale della miniparabola del Cristo dell'Apocalisse: «Ecco, io sto alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con lui ed egli con me» (3,20).

(Testo tratto da: G. Ravasi, Breviario laico, Mondadori)

RECUPERA LA RIFLESSIONE DI IERI!

_____

_____

Non dimenticare di leggere anche:

Paese che vai ... modi di dire che trovi ...

da non prendere sottogamba

inglese = not to be sniffed at (non da disprezzare)
francese = prendre pas pardessous la jambe (non prendere sottogamba)
tedesco = nicht auf die leichte Achsel nehmen (non prendere sulla spalla leggera)
spagnolo = dar importancia a algo (dare importanza a qualcosa)
_____
_____
_____