• *
  • *
  • *

La Parola di Domani

Letture - Rito Ambrosiano
Martedì nella settimana della III Domenica dopo Pentecoste
Anno 1
Rito Ambrosiano



LETTURA
Nm 9, 15-23
La nube divina sopra la Dimora, dalla parte della tenda della Testimonianza.
Lettura del libro dei Numeri.

Nel giorno in cui la Dimora fu eretta, la nube coprì la Dimora, dalla parte della tenda della Testimonianza; alla sera ci fu sulla Dimora come unapparizione di fuoco fino alla mattina. Così avveniva sempre: la nube la copriva e di notte aveva laspetto del fuoco. Tutte le volte che la nube si alzava sopra la tenda, subito gli Israeliti si mettevano in cammino, e nel luogo dove la nube si posava, là gli Israeliti si accampavano. Sullordine del Signore gli Israeliti si mettevano in cammino e sullordine del Signore si accampavano. Tutti i giorni in cui la nube restava sulla Dimora essi rimanevano accampati. Quando la nube rimaneva per molti giorni sulla Dimora, gli Israeliti osservavano la prescrizione del Signore e non partivano. Avveniva che la nube rimanesse pochi giorni sulla Dimora: essi allordine del Signore rimanevano accampati e allordine del Signore levavano le tende. E avveniva che, se la nube si fermava dalla sera alla mattina e si alzava la mattina, subito riprendevano il cammino; o se dopo un giorno e una notte la nube si alzava, allora levavano le tende. O se la nube rimaneva ferma sulla Dimora due giorni o un mese o un anno, gli Israeliti rimanevano accampati e non partivano; ma quando si alzava, levavano le tende. Allordine del Signore si accampavano e allordine del Signore levavano le tende, e osservavano le prescrizioni del Signore, secondo lordine dato dal Signore per mezzo di Mosè.
Parola di Dio.


SALMO
Sal 104 (105)
Guida e proteggi il tuo popolo, Signore.

Rendete grazie al Signore e invocate il suo nome,
proclamate fra i popoli le sue opere.
A lui cantate, a lui inneggiate,
meditate tutte le sue meraviglie.
Gloriatevi del suo santo nome:
gioisca il cuore di chi cerca il Signore. R.

Fece uscire il suo popolo con argento e oro;
nelle tribù nessuno vacillava.
Quando uscirono, gioì lEgitto,
che era stato colpito dal loro terrore.
Distese una nube per proteggerli
e un fuoco per illuminarli di notte. R.

Ha fatto uscire il suo popolo con esultanza,
i suoi eletti con canti di gioia.
Ha dato loro le terre delle nazioni
e hanno ereditato il frutto della fatica dei popoli,
perché osservassero i suoi decreti
e custodissero le sue leggi. R.


CANTO AL VANGELO
Cfr. Mc 3, 5
Alleluia.
Il Signore si rattristò per la durezza dei loro cuori.
Alleluia.


VANGELO
Lc 6, 6-11
Lettura del Vangelo secondo Luca.

Un altro sabato il Signore Gesù entrò nella sinagoga e si mise a insegnare. Cera là un uomo che aveva la mano destra paralizzata. Gli scribi e i farisei lo osservavano per vedere se lo guariva in giorno di sabato, per trovare di che accusarlo. Ma Gesù conosceva i loro pensieri e disse alluomo che aveva la mano paralizzata: «Àlzati e mettiti qui in mezzo!». Si alzò e si mise in mezzo. Poi Gesù disse loro: «Domando a voi: in giorno di sabato, è lecito fare del bene o fare del male, salvare una vita o sopprimerla?». E guardandoli tutti intorno, disse alluomo: «Tendi la tua mano!». Egli lo fece e la sua mano fu guarita. Ma essi, fuori di sé dalla collera, si misero a discutere tra loro su quello che avrebbero potuto fare a Gesù.
Parola del Signore.


Saggezza popolare dal mondo:
Per chi fa ogni cosa al tempo gusto, ogni giorno ne vale tre (Cina)