• *
  • *
  • *

La Parola di Domani

PRESENTAZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Memoria

Dal comune della b. Vergine Maria (formulario 4).


In questo giorno della dedicazione della chiesa di Santa Maria Nuova, costruita presso il tempio di Gerusalemme nel 543, si celebra con i cristiani d’Oriente quella «dedicazione» che la beata Vergine Maria fece di sé stessa fin dall’infanzia, mossa dallo Spirito Santo, della cui grazia era stata ricolmata nella sua immacolata concezione.

ALL'INGRESSO
Lc 1, 30. 31

Non temere, Maria,
perché hai trovato grazia presso Dio.
Ecco, concepirai un figlio,
lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù.

ALL’INIZIO DELL’ASSEMBLEA LITURGICA

Esaudisci, o Padre infinitamente buono, la nostra supplica:
donaci di aderire con umile fede alla tua parola
sull’esempio della Vergine immacolata
che, all’annunzio dell’angelo,
accolse il tuo Verbo ineffabile
e, colma di Spirito Santo, divenne tempio di Dio.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

GEREMIA
Ger 2, 1-9
Intenterò un processo contro di voi e farò causa ai vostri nipoti.

Lettura del profeta Geremia.

In quei giorni. Mi fu rivolta questa parola del Signore:
«Va’ e grida agli orecchi di Gerusalemme:
Così dice il Signore:
Mi ricordo di te, dell’affetto della tua giovinezza,
dell’amore al tempo del tuo fidanzamento,
quando mi seguivi nel deserto,
in terra non seminata.
Israele era sacro al Signore,
la primizia del suo raccolto;
quanti osavano mangiarne, si rendevano colpevoli,
la sventura si abbatteva su di loro.
Oracolo del Signore.
Udite la parola del Signore, casa di Giacobbe,
voi, famiglie tutte d’Israele!
Così dice il Signore:
Quale ingiustizia trovarono in me i vostri padri
per allontanarsi da me
e correre dietro al nulla,
diventando loro stessi nullità?
E non si domandarono: “Dov’è il Signore
che ci fece uscire dall’Egitto,
e ci guidò nel deserto,
terra di steppe e di frane,
terra arida e tenebrosa,
terra che nessuno attraversa
e dove nessuno dimora?”.
Io vi ho condotti in una terra che è un giardino,
perché ne mangiaste i frutti e i prodotti,
ma voi, appena entrati, avete contaminato la mia terra
e avete reso una vergogna la mia eredità.
Neppure i sacerdoti si domandarono:
“Dov’è il Signore?”.
Gli esperti nella legge non mi hanno conosciuto,
i pastori si sono ribellati contro di me,
i profeti hanno profetato in nome di Baal
e hanno seguito idoli che non aiutano.
Per questo intenterò ancora un processo contro di voi
– oracolo del Signore –
e farò causa ai figli dei vostri figli».

Parola di Dio.


SALMO
Sal 13 (14), 1-7

Signore, abbi pietà di Sion,
perché è tempo di usarle misericordia.

Lo stolto pensa: «Dio non c’è».
Sono corrotti, fanno cose abominevoli:
non c’è chi agisce bene.
Il Signore dal cielo si china sui figli dell’uomo
per vedere se c’è un uomo saggio,
uno che cerchi Dio. R.

Sono tutti traviati, tutti corrotti;
non c’è chi agisca bene, neppure uno.
Non impareranno dunque tutti i malfattori,
che divorano il mio popolo come il pane
e non invocano il Signore? R.

Ecco, hanno tremato di spavento,
perché Dio è con la stirpe del giusto.
Voi volete umiliare le speranze del povero,
ma il Signore è il suo rifugio. R.

Chi manderà da Sion la salvezza d’Israele?
Quando il Signore ristabilirà la sorte del suo popolo,
esulterà Giacobbe e gioirà Israele. R.


PROFETI
Am 5, 10-15
Odiate il male e amate il bene; forse il Signore avrà pietà del resto di Giuseppe.

Lettura del profeta Amos.

Così dice il Signore Dio:«Essi odiano chi fa giuste accuse in tribunale
e detestano chi testimonia secondo verità.
Poiché voi schiacciate l’indigente e gli estorcete una parte del grano,
voi che avete costruito case in pietra squadrata,
non le abiterete;
voi che avete innalzato vigne deliziose,
non ne berrete il vino.
So infatti quanto numerosi sono i vostri misfatti,
quanto enormi i vostri peccati.
Essi sono ostili verso il giusto,
prendono compensi illeciti
e respingono i poveri nel tribunale.
Perciò il prudente in questo tempo tacerà,
perché sarà un tempo di calamità.
Cercate il bene e non il male,
se volete vivere,
e solo così il Signore, Dio degli eserciti,
sarà con voi, come voi dite.
Odiate il male e amate il bene
e ristabilite nei tribunali il diritto;
forse il Signore, Dio degli eserciti,
avrà pietà del resto di Giuseppe».

Parola di Dio.


CANTO AL VANGELO
Cfr. Sir 51, 10b

Alleluia.
Signore, non ci abbandonare nei giorni dell’angoscia,
nel tempo dello sconforto e della desolazione.
Alleluia.


VANGELO
Mt 9, 9-13

Lettura del Vangelo secondo Matteo.

In quel tempo. Andando via di là, il Signore Gesù vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì.
Mentre sedeva a tavola nella casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e se ne stavano a tavola con Gesù e con i suoi discepoli. Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Come mai il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?». Udito questo, disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate a imparare che cosa vuol dire: Misericordia io voglio e non sacrifici. Io non sono venuto infatti a chiamare i giusti, ma i peccatori».

Parola del Signore.


DOPO IL VANGELO
Cfr. Is 35, 4

Dite agli smarriti di cuore:
«Coraggio, non temete!
Ecco: si compie il giusto giudizio a Dio,
il nostro Dio viene a salvarci».

A CONCLUSIONE DELLA LITURGIA DELLA PAROLA

O Padre, che all’annunzio dell’angelo
hai voluto che il tuo Verbo si facesse uomo
nel grembo verginale di Maria,
concedi al tuo popolo,
che onora e ama la Madre di Dio,
di godere sempre della sua materna protezione.
Per Cristo nostro Signore.

SUI DONI

Il tuo Spirito, o Dio onnipotente,
disceso con la sua gloria nella Vergine Maria,
accolga le nostre offerte
e le ricolmi della sua grazia.
Per Cristo nostro Signore.

PREFAZIO

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
celebrare il mistero della beata Vergine Maria
che, accogliendo con fede illibata l’annunzio dell’angelo,
concepì il tuo Verbo,
rivestendolo di carne mortale;
nell’esiguità del suo grembo
racchiuse il Signore dei cieli
e il Salvatore del mondo;
e per noi lo diede alla luce,
serbando intatta l’integrità verginale.
Stupiti e gioiosi per questo prodigio,
uniti agli angeli e ai santi
eleviamo a te, Padre,
unico onnipotente Dio col Figlio e con lo Spirito Santo,
l’inno della tua lode:
Santo…

ALLO SPEZZARE DEL PANE
Cfr. Is 30, 19. 27. 29. 30

Popolo di Sion, ecco il Signore viene
a salvare tutte le genti;
il Signore manifesterà la sua gloria
e avrete la gioia nel cuore.

ALLA COMUNIONE
Cfr. Mt 11, 4-5

Riferite a Giovanni:
«I ciechi ricuperano la vista,
gli storpi camminano,
i poveri gioiscono della venuta del Signore».

DOPO LA COMUNIONE

O Dio, Padre nostro,
che ci hai chiamato a partecipare a questi misteri,
manifesta sempre in noi la tua misericordia,
perché l’incarnazione del tuo Figlio ci salvi,
mentre ricordiamo e veneriamo con fede
la sua santissima Madre.
Per Cristo nostro Signore.

©
Saggezza popolare dal mondo:
La bocca sazia dimentica spesso il benefattore (Giappone)