• *
  • *
  • *

La Parola di Ieri

II DOMENICA DI AVVENTO
ALL’INGRESSO
Sal 71 (72), 16-17a-c

Il suo frutto si innalzerà
come il cedro del Libano.
Il Signore sarà benedetto per sempre,
davanti al sole ascenderà il suo nome;
in lui saranno benedette
tutte le genti della terra.

ALL’INIZIO DELL’ASSEMBLEA LITURGICA

Ispira alla tua famiglia,
o Dio onnipotente,
il proposito santo
di andare incontro con operosa giustizia
al Salvatore che viene
perché meriti con i tuoi eletti
di possedere il regno dei cieli.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

LETTURA
Is 51, 7-12a
I riscattati dal Signore ritorneranno e verranno in Sion con esultanza.

Lettura del profeta Isaia.

Così dice il Signore Dio:
«Ascoltatemi, esperti della giustizia,
popolo che porti nel cuore la mia legge.
Non temete l’insulto degli uomini,
non vi spaventate per i loro scherni;
poiché le tarme li roderanno come una veste
e la tignola li roderà come lana,
ma la mia giustizia durerà per sempre,
la mia salvezza di generazione in generazione.
Svégliati, svégliati, rivèstiti di forza,
o braccio del Signore.
Svégliati come nei giorni antichi,
come tra le generazioni passate.
Non sei tu che hai fatto a pezzi Raab,
che hai trafitto il drago?
Non sei tu che hai prosciugato il mare,
le acque del grande abisso,
e hai fatto delle profondità del mare una strada,
perché vi passassero i redenti?
Ritorneranno i riscattati dal Signore
e verranno in Sion con esultanza;
felicità perenne sarà sul loro capo,
giubilo e felicità li seguiranno,
svaniranno afflizioni e sospiri.
Io, io sono il vostro consolatore».

Parola di Dio.

SALMO
Sal 47 (48), 2-4. 9-11. 13a. 14-15b

Il tuo nome, o Dio, si estende ai confini della terra.

Grande è il Signore e degno di ogni lode
nella città del nostro Dio.
La tua santa montagna, altura stupenda,
è la gioia di tutta la terra. R.

Il monte Sion, vera dimora divina,
è la capitale del grande re.
Dio nei suoi palazzi
un baluardo si è dimostrato. R.

Come avevamo udito, così abbiamo visto
nella città del Signore degli eserciti,
nella città del nostro Dio;
Dio l’ha fondata per sempre. R.

O Dio, meditiamo il tuo amore
dentro il tuo tempio.
Come il tuo nome, o Dio,
così la tua lode si estende
sino ai confini della terra;
di giustizia è piena la tua destra.R.

Circondate Sion, giratele intorno.
Osservate le sue mura,
passate in rassegna le sue fortezze,
per narrare alla generazione futura:
questo è Dio,
il nostro Dio in eterno e per sempre. R.

CANTO AL VANGELO
Lc 3, 4b.6

Alleluia.
Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!
Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!
Alleluia.

VANGELO
Mt 3, 1-12
Dio può far sorgere figli di Abramo da queste pietre.

Lettura del Vangelo secondo Matteo.

In quei giorni venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea dicendo: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!».
Egli infatti è colui del quale aveva parlato il profeta Isaia quando disse:
Voce di uno che grida nel deserto:
Preparate la via del Signore,
raddrizzare i suoi sentieri!
E lui, Giovanni, portava un vestito di peli di cammello e una cintura di pelle attorno ai fianchi; il suo cibo erano cavallette e miele selvatico.
Allora Gerusalemme, tutta la Giudea e tutta la zona lungo il Giordano accorrevano a lui e si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.
Vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere! Chi vi ha fatto credere di poter sfuggire all’ira imminente? Fate dunque un frutto degno della conversione, e non crediate di poter dire dentro di voi: “Abbiamo Abramo per padre!”. Perché io vi dico che da queste pietre Dio può suscitare i figli ad Abramo. Già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Io vi battezzo nell’acqua per la conversione; ma colui che viene dopo di me è più forte di me e io non sono degno di portargli i sandali; egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala e pulirà la sua aia e raccoglierà il suo frumento nel granaio, ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile».

Parola del Signore.

DOPO IL VANGELO
Cfr. Is 14, 1a-c; 1Cor 4, 5c

Sta per venire il tempo del Salvatore,
e i suoi giorni non tarderanno.
Ecco: il Signore avrà misericordia,
disperderà le tenebre con la sua luce.

A CONCLUSIONE DELLA LITURGIA DELLA PAROLA

Sostieni in noi, o Dio, la speranza,
accresci la nostra fede
e il nostro amore filiale
e ricolmaci di grazia
secondo le tue promesse.
Per Cristo nostro Signore.

Si dice il Credo
SUI DONI

Donaci, o Dio onnipotente,
per la forza divina di questo mistero,
la vita eterna di Cristo, tuo Figlio,
che si è fatto partecipe
della nostra natura mortale,
e vive e regna nei secoli dei secoli.

PREFAZIO

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre, qui e in ogni luogo,
a te, Signore, Padre santo,
che sei Dio di misericordia
e alla punizione della colpa
preferisci sempre un generoso perdono.
Nell’umanità del tuo Figlio hai ricreato l’uomo
perché la morte non deformasse in lui la tua immagine viva.
È grazia della tua pietà che ci salva:
dalla carne di Adamo
il peccato ci aveva dato la morte,
dalla carne di Cristo il tuo amore infinito
ci ha riplasmato alla vita.
Per questo tuo dono, uniti alla gioia degli angeli,
eleviamo insieme l’inno della tua gloria:
Santo…

ALLO SPEZZARE DEL PANE
Cfr. Zc 14, 5. 7

Ecco, il Signore Dio viene,
e tutti i suoi santi con lui;
e splenderà in quel giorno una grande luce.

ALLA COMUNIONE
Cfr. Is 40, 1; 41, 14

«Consolate, consolate il mio popolo,
– dice il vostro Dio –.
Non temete: io sono il vostro aiuto,
il vostro redentore».

DOPO LA COMUNIONE

La forza ricevuta nei tuoi misteri,
o Dio onnipotente,
ci aiuti a vincere il nostro egoismo
e ci confermi nel desiderio del tuo regno.
Per Cristo nostro Signore.

Saggezza popolare dal mondo:
La bocca sazia dimentica spesso il benefattore (Giappone)