• *
  • *
  • *

La Parola di Oggi

Martedì, 17 Gennaio 2017

Letture - Rito Ambrosiano
Martedì della settimana della II Domenica dopo l'Epifania
Anno 1
Rito Ambrosiano




ALL'INGRESSO
Sal 26 , 7-9a
Signore, ascolta la mia voce!
Di te il mio cuore ha detto:
«Cerca il suo volto!».
Io cercherò il tuo volto, Signore;
non ti celare mai.


ALL'INIZIO DELL'ASSEMBLEA LITURGICA
O Dio forte ed eterno,
che governi il cielo e la terra,
ascolta con bontà le preghiere del tuo popolo
e dona ai nostri giorni la tua pace.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.


LETTURA
Sir 44, 1; 46, 1-6d
Giosuè fu grande per la salvezza degli eletti di Dio.
Lettura del libro del Siracide.

Facciamo ora l'elogio di uomini illustri,
dei padri nostri nelle loro generazioni.
Valoroso in guerra fu Giosuè, figlio di Nun,
successore di Mosè nell'ufficio profetico;
secondo il suo nome,
egli fu grande per la salvezza degli eletti di Dio,
compiendo la vendetta contro i nemici insorti,
per assegnare l'eredità a Israele.
Com'era glorioso quando alzava le sue braccia
e brandiva la spada contro le città!
Chi prima di lui era stato così saldo?
Egli guidava le guerre del Signore.
Al suo comando non si arrestò forse il sole
e un giorno divenne lungo come due?
Egli invocò l'Altissimo, il Sovrano,
mentre i nemici lo premevano da ogni parte;
lo esaudì il Signore grande
con una grandinata di pietre poderose.
Egli piombò sulla nazione nemica
e nella discesa distrusse gli avversari,
perché le nazioni conoscessero tutte le sue armi
e che la loro guerra era contro il Signore.
Parola di Dio.


SALMO
Sal 77
Diremo alla generazione futura le lodi del Signore.

Il Signore li fece entrare nei confini del suo santuario,
questo monte che la sua destra si è acquistato.
Scacciò davanti a loro le genti
e sulla loro eredità gettò la sorte,
facendo abitare nelle loro tende
le tribù d'Israele. R.

Scelse la tribù di Giuda,
il monte Sion che egli ama.
Egli scelse Davide suo servo
e lo prese dagli ovili delle pecore. R.

Lo allontanò dalle pecore madri
per farne il pastore di Giacobbe, suo popolo,
d'Israele, sua eredità.
Fu per loro un pastore dal cuore integro
e li guidò con mano intelligente. R.


CANTO AL VANGELO
Cfr. 1 Cor 1, 30
Alleluia.
Cristo Gesù è per noi sapienza,
giustizia, santificazione e redenzione.
Alleluia.


VANGELO
Mc 3, 22-30
Lettura del Vangelo secondo Marco.

In quel tempo. Gli scribi, che erano scesi da Gerusalemme, dicevano: «Costui è posseduto da Beelzebùl e scaccia i demòni per mezzo del capo dei demòni». Ma il Signore Gesù li chiamò e con parabole diceva loro: «Come può Satana scacciare Satana? Se un regno è diviso in sé stesso, quel regno non potrà restare in piedi; se una casa è divisa in sé stessa, quella casa non potrà restare in piedi. Anche Satana, se si ribella contro sé stesso ed è diviso, non può restare in piedi, ma è finito. Nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rapire i suoi beni, se prima non lo lega. Soltanto allora potrà saccheggiargli la casa. In verità io vi dico: tutto sarà perdonato ai figli degli uomini, i peccati e anche tutte le bestemmie che diranno; ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo non sarà perdonato in eterno: è reo di colpa eterna». Poiché dicevano: «È posseduto da uno spirito impuro».
Parola del Signore.


DOPO IL VANGELO
Sal 78 , 13
Noi, tuo popolo
e gregge che tu pasci,
ci affideremo sempre solo a te,
annunzieremo in eterno le tue lodi.


A CONCLUSIONE DELLA LITURGIA DELLA PAROLA
O Dio d'amore, accogli le suppliche
di quelli che confidano nella tua misericordia
e donaci la tua protezione
in ogni avversità della vita.
Per Cristo nostro Signore.


Si dice il Credo


SUI DONI
Santifica, o Padre,
i doni che ti presentiamo
e, per questa offerta,
purifica i nostri cuori
da ogni contaminazione di colpa.
Per Cristo nostro Signore.


PREFAZIO
È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre,
qui e in ogni luogo,
a te, Padre santo,
e cantare con voci liete
la tua potenza e la tua gloria eterna.
Tu per alleviarci le fatiche della vita
ci hai confortato
con l'esuberanza dei tuoi doni
e per richiamarci alla felicità primitiva
ci hai mandato dal cielo
Gesù Cristo tuo Figlio e Signore nostro.
Per questo mistero di grazia,
uniti agli angeli,
proclamiamo esultando l'inno della tua lode: Santo…


ALLO SPEZZARE DEL PANE
Sal 3, 5. 7a
Con la mia voce ho gridato al Signore
e dal suo monte santo mi ha ascoltato.
Non temerò l'assalto
neppure di mille nemici.


ALLA COMUNIONE
Sal 32 , 18-19
Il Signore veglia sui suoi fedeli
e su chi spera nella sua pietà.
Egli li strappa dalla morte
e li nutre se hanno fame.


DOPO LA COMUNIONE
Con la forza e la gioia dell'alimento celeste,
di cui ci hai paternamente nutrito alla tua mensa,
fa' crescere in noi, o Dio vivo e vero,
l'opera della tua grazia;
e concedi che questo Pane di vita
ci renda capaci di conseguire i beni eterni
offerti alla nostra speranza.
Per Cristo nostro Signore.
Saggezza popolare dal mondo:
Finché c'è fuoco in cucina gli ospiti non smetteranno di arrivare (Giappone)