• *
  • *
  • *

La Parola di Oggi

Giovedì, 24 Maggio 2018

GIOVEDI DELLA SETTIMANA DOPO PENTECOSTE
ALL’INGRESSO
Sal 61 (62), 9

Sperate in Dio, popoli di ogni luogo,
aprite al suo cospetto il vostro cuore;
egli è il nostro rifugio.

ALL'INIZIO DELL'ASSEMBLEA LITURGICA

O Dio, certezza e forza di chi spera in te,
ascolta la nostra preghiera:
concedi l’aiuto della tua grazia
alla debolezza umana
che senza di te non può nulla
perché possiamo piacerti
con la fedeltà alla tua legge
nelle intenzioni e nelle opere.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

LETTURA
Es 19, 16-19
La teofania al Sinai.

Lettura del libro dell’Esodo.

Il terzo giorno, sul far del mattino, vi furono tuoni e lampi, una nube densa sul monte e un suono fortissimo di corno: tutto il popolo che era nell’accampamento fu scosso da tremore. Allora Mosè fece uscire il popolo dall’accampamento incontro a Dio. Essi stettero in piedi alle falde del monte. Il monte Sinai era tutto fumante, perché su di esso era sceso il Signore nel fuoco, e ne saliva il fumo come il fumo di una fornace: tutto il monte tremava molto. Il suono del corno diventava sempre più intenso: Mosè parlava e Dio gli rispondeva con una voce.

Parola di Dio.

SALMO
Sal 96 (97), 1-7. 9

Il Signore regna: esulti la terra.

Il Signore regna: esulti la terra,
gioiscano le isole tutte.
Nubi e tenebre lo avvolgono,
giustizia e diritto sostengono il suo trono. R.

Un fuoco cammina davanti a lui
e brucia tutt’intorno i suoi nemici.
Le sue folgori rischiarano il mondo:
vede e trema la terra. R.

I monti fondono come cera davanti al Signore,
davanti al Signore di tutta la terra.
Annunciano i cieli la sua giustizia,
e tutti i popoli vedono la sua gloria. R.

Si vergognino tutti gli adoratori di statue
e chi si vanta del nulla degli idoli.
A lui si prostrino tutti gli dèi!
Perché tu, Signore,
sei l’Altissimo su tutta la terra,
eccelso su tutti gli dèi. R.

CANTO AL VANGELO
Cfr. Sal 96 (97), 8

Alleluia.
Sion ascolta la voce del Signore, e ne gioisce.
Alleluia.

VANGELO
Gv 12, 27-32
Una voce dal cielo: «L’ho glorificato».

Lettura del Vangelo secondo Giovanni.

In quel tempo. Il Signore Gesù disse: «Adesso l’anima mia è turbata; che cosa dirò? Padre, salvami da quest’ora? Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome». Venne allora una voce dal cielo: «L’ho glorificato e lo glorificherò ancora!».
La folla, che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: «Un angelo gli ha parlato». Disse Gesù: «Questa voce non è venuta per me, ma per voi. Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me».

Parola del Signore.


00:00/01:02
DOPO IL VANGELO
Sal 85 (86), 1a. 2b-3a

Porgimi orecchio, Signore, e ascoltami.
Salva il tuo servo, o Dio, che spera in te.
Abbi pietà di me perché sempre ti invoco.

A CONCLUSIONE DELLA LITURGIA DELLA PAROLA

O Dio, che ci hai rivelato
di voler abitare in chi è retto e sincero,
donaci la sete di verità e di giustizia
che fa del nostro cuore
il tempio della divina presenza.
Per Cristo nostro Signore.

SUI DONI

Accetta, o Dio misericordioso,
le offerte che ti consacriamo
e concedi che siano per noi
sicuro e perenne sostegno.
Per Cristo nostro Signore.

PREFAZIO

È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre,
qui e in ogni luogo,
a te, Signore, Padre santo,
Dio onnipotente ed eterno.
Mirabile è l’opera compiuta da Cristo tuo Figlio
nel mistero pasquale:
egli ci ha tratto
dalla schiavitù del peccato e della morte
alla gloria di proclamarci
stirpe eletta, regale sacerdozio,
gente santa, popolo di sua conquista
per annunziare al mondo la tua potenza, o Padre,
che dalle tenebre ci hai chiamato
allo splendore della tua luce.
Riconoscenti e gioiosi,
ci uniamo concordi alle schiere degli angeli
che elevano a te il loro inno di lode:
Santo…

ALLO SPEZZARE DEL PANE
Sal 88 (89), 2. 51a

Canterò senza fine
la pietà del Signore.
Con la mia bocca
annunzierò a tutte le genti la tua verità.
O Signore, ricordati di me.

ALLA COMUNIONE

Chi degnamente si ciba dei doni di Cristo
non sarà condannato,
ma salvato per grazia di Dio.

DOPO LA COMUNIONE

O Dio, Padre santo,
che ci hai saziato col Pane di vita,
serbaci nel canto della tua lode
e portaci a eterna salvezza.
Per Cristo nostro Signore.

Saggezza popolare dal mondo:
E' facile scansare la freccia di un nemico, ma difficile evitare la lancia di un amico (Cina)