Nella prima lettera ai Tessalonicesi San Paolo aveva parlato del ritorno di Cristo (1Tes 1,10; 2,12; 4,13; 5,4); ma i Tessalonicesi avevano inteso che il ritorno di Cristo e la fine del mondo fossero imminenti, sicché molti concludevano di non dover più lavorare, ma di aspettare nell'ozio.
Per rimediare ai disordini che da queste idee nascevano nella Chiesa del Tessalonicesi, e per supplire ad un viaggio che avrebbe voluto fare a Tessalonica, San Paolo scrive questa seconda lettera, pochi mesi dopo la prima, pure da Corinto, forse nei primi mesi del 53.
In questa lettera, san Paolo, parlando della venuta di Cristo, dice che prima deve venire l'Anticristo; e quindi i fedeli non pensino che la venuta sia proprio vicina; ma, essendo incerto il tempo, stiano preparati, costanti nella fede. Quindi passa a biasimare l'ozio, ricordando la legge del lavoro; esorta alla virtù e alla fuga dai disobbedienti.

2 Tessalonicesi


Capitolo 1

[1] Paolo e Silvano e Timòteo alla Chiesa dei Tessalonicesi che è in Dio Padre nostro e nel Signore Gesù Cristo: [2] a voi, grazia e pace da Dio Padre e dal Signore Gesù Cristo.
[3] Dobbiamo sempre rendere grazie a Dio per voi, fratelli, come è giusto, perché la vostra fede fa grandi progressi e l’amore di ciascuno di voi verso gli altri va crescendo. [4] Così noi possiamo gloriarci di voi nelle Chiese di Dio, per la vostra perseveranza e la vostra fede in tutte le vostre persecuzioni e tribolazioni che sopportate.
[5] È questo un segno del giusto giudizio di Dio, perché siate fatti degni del regno di Dio, per il quale appunto soffrite. [6] È proprio della giustizia di Dio ricambiare con afflizioni coloro che vi affliggono [7] e a voi, che siete afflitti, dare sollievo insieme a noi, quando si manifesterà il Signore Gesù dal cielo, insieme agli angeli della sua potenza, con [8] fuoco ardente, per punire quelli che non riconoscono Dio e quelli che non obbediscono al vangelo del Signore nostro Gesù. [9] Essi saranno castigati con una rovina eterna, lontano dal volto del Signore e dalla sua gloriosa potenza. [10] In quel giorno, egli verrà per essere glorificato nei suoi santi ed essere riconosciuto mirabile da tutti quelli che avranno creduto, perché è stata accolta la nostra testimonianza in mezzo a voi.
[11] Per questo preghiamo continuamente per voi, perché il nostro Dio vi renda degni della sua chiamata e, con la sua potenza, porti a compimento ogni proposito di bene e l’opera della vostra fede, [12] perché sia glorificato il nome del Signore nostro Gesù in voi, e voi in lui, secondo la grazia del nostro Dio e del Signore Gesù Cristo.

Capitolo 2

[1] Riguardo alla venuta del Signore nostro Gesù Cristo e al nostro radunarci con lui, vi preghiamo, fratelli, [2] di non lasciarvi troppo presto confondere la mente e allarmare né da ispirazioni né da discorsi, né da qualche lettera fatta passare come nostra, quasi che il giorno del Signore sia già presente.
[3] Nessuno vi inganni in alcun modo! Prima infatti verrà l’apostasia e si rivelerà l’uomo dell’iniquità, il figlio della perdizione, [4] l’avversario, colui che s’innalza sopra ogni essere chiamato e adorato come Dio, fino a insediarsi nel tempio di Dio, pretendendo di essere Dio.
[5] Non ricordate che, quando ancora ero tra voi, io vi dicevo queste cose? [6] E ora voi sapete che cosa lo trattiene perché non si manifesti se non nel suo tempo. [7] Il mistero dell’iniquità è già in atto, ma è necessario che sia tolto di mezzo colui che finora lo trattiene. [8] Allora l’empio sarà rivelato e il Signore Gesù lo distruggerà con il soffio della sua bocca e lo annienterà con lo splendore della sua venuta. [9] La venuta dell’empio avverrà nella potenza di Satana, con ogni specie di miracoli e segni e prodigi menzogneri [10] e con tutte le seduzioni dell’iniquità, a danno di quelli che vanno in rovina perché non accolsero l’amore della verità per essere salvati. [11] Dio perciò manda loro una forza di seduzione, perché essi credano alla menzogna [12] e siano condannati tutti quelli che, invece di credere alla verità, si sono compiaciuti nell’iniquità.
[13] Noi però dobbiamo sempre rendere grazie a Dio per voi, fratelli amati dal Signore, perché Dio vi ha scelti come primizia per la salvezza, per mezzo dello Spirito santificatore e della fede nella verità. [14] A questo egli vi ha chiamati mediante il nostro Vangelo, per entrare in possesso della gloria del Signore nostro Gesù Cristo.
[15] Perciò, fratelli, state saldi e mantenete le tradizioni che avete appreso sia dalla nostra parola sia dalla nostra lettera. [16] E lo stesso Signore nostro Gesù Cristo e Dio, Padre nostro, che ci ha amati e ci ha dato, per sua grazia, una consolazione eterna e una buona speranza, [17] conforti i vostri cuori e li confermi in ogni opera e parola di bene.

Capitolo 3

[1] Per il resto, fratelli, pregate per noi, perché la parola del Signore corra e sia glorificata, come lo è anche tra voi, [2] e veniamo liberati dagli uomini corrotti e malvagi. La fede infatti non è di tutti. [3] Ma il Signore è fedele: egli vi confermerà e vi custodirà dal Maligno.
[4] Riguardo a voi, abbiamo questa fiducia nel Signore: che quanto noi vi ordiniamo già lo facciate e continuerete a farlo. [5] Il Signore guidi i vostri cuori all’amore di Dio e alla pazienza di Cristo.
[6] Fratelli, nel nome del Signore nostro Gesù Cristo, vi raccomandiamo di tenervi lontani da ogni fratello che conduce una vita disordinata, non secondo l’insegnamento che vi è stato trasmesso da noi. [7] Sapete in che modo dovete prenderci a modello: noi infatti non siamo rimasti oziosi in mezzo a voi, [8] né abbiamo mangiato gratuitamente il pane di alcuno, ma abbiamo lavorato duramente, notte e giorno, per non essere di peso ad alcuno di voi. [9] Non che non ne avessimo diritto, ma per darci a voi come modello da imitare. [10] E infatti quando eravamo presso di voi, vi abbiamo sempre dato questa regola: chi non vuole lavorare, neppure mangi. [11] Sentiamo infatti che alcuni fra voi vivono una vita disordinata, senza fare nulla e sempre in agitazione. [12] A questi tali, esortandoli nel Signore Gesù Cristo, ordiniamo di guadagnarsi il pane lavorando con tranquillità. [13] Ma voi, fratelli, non stancatevi di fare il bene. [14] Se qualcuno non obbedisce a quanto diciamo in questa lettera, prendete nota di lui e interrompete i rapporti, perché si vergogni; [15] non trattatelo però come un nemico, ma ammonitelo come un fratello.
[16] Il Signore della pace vi dia la pace sempre e in ogni modo. Il Signore sia con tutti voi.
[17] Il saluto è di mia mano, di Paolo. Questo è il segno autografo di ogni mia lettera; io scrivo così. [18] La grazia del Signore nostro Gesù Cristo sia con tutti voi.