Tutto quanto ci è dato sapere riguardo al terzo evangelista, S. Luca (= Lucano o Luciano, come hanno alcuni codici), ci proviene dal libro degli Atti degli Apostoli, scritto dal medesimo evangelista, e dalle lettere di S. Paolo; altre notizie ci sono fornite da una tradizione costante e assai sicura, che risale al II sec. d.C.
Egli non era giudeo, bensì pagano, come ci fa comprendere Paolo, che, in Col. 4,10-11.14, lo distingue esplicitamente dai provenienti “dalla circoncisione”. Quando egli si sia convertito al Cristianesimo non lo sappiamo; probabilmente per opera dei primi predicatori del Vangelo in Antiochia, sua patria, secondo la tradizione attestata da Eusebio.
Non fu del numero dei 72 discepoli del Signore, come erroneamente è stato talvolta affermato, e neppure fu convertito da S. Paolo, il quale mai afferma di averlo generato a Cristo.
Le varie sezioni degli Atti in cui Luca riferisce la narrazione in prima persona plurale “noi”, ci presentano l'Evangelista compagno e collaboratore di Paolo nelle varie missioni (Atti 16,10-17; 20,5-15; 21,1-18; 27,1-29, ecc.). Fin dal secondo viaggio missionario attraverso la Troade, Luca è con Paolo (Atti 16,10); lo accompagna in Macedonia (Atti 16,12) e dopo la partenza di Paolo e Sila, Luca rimane a Filippi (Atti 16,19-40). Insieme a Paolo si reca poi a Gerusalemme (Atti 21,1 e ss); è presente quando Paolo è arrestato e condotto a Cesarea (Atti 21,18-26,32), ma non sappiamo se vi sia rimasto durante i due anni della prigionia. Intraprende con Paolo il periglioso viaggio che da Cesarea lo condurrà a Pozzuoli e quindi a Roma (Atti 27,2-28,29) e rimane con Paolo durante la sua prigionia romana (Col. 4,14; Filem. 24). Lo troviamo pure a Roma con Paolo durante la seconda prigionia (2 Tim. 4,11). Che Luca esercitasse la professione di medico la tradizione lo ha dedotto da Col. 4,14, in cui Paolo lo chiama “il nostro caro medico”, e anche da altri passi sia del Vangelo (4,38; 8,43), che degli Atti (13,11) in cui usa termini medici precisi.
Tutta quanta l'antica tradizione, che risale all'epoca apostolica, è esplicitamente unanime, costante e universale nell'attribuire a Luca il terzo Vangelo. Le affermazioni dei Padri trovano una conferma nell'esame interno del terzo Vangelo in cui i documenti raccolti dall'autore con paziente ed accorta indagine storica, lo ricollegano alle fonti genuine di «coloro che fin da principio sono stati testimoni oculari degli avvenimenti e son divenuti ministri della parola» (1,2). In particolare l'Evangelista tradisce il pensiero e l'insegnamento di Paolo, mutuando dall'Apostolo delle Genti i concetti fondamentali della universalità della redenzione e del perdono e pietà del Redentore verso i peccatori. Ignoriamo il luogo di composizione del terzo Vangelo; secondo molti critici moderni sarebbe Roma.
Riguardo al tempo di composizione, è opinione comune che il Vangelo di Luca sia il terzo, dopo quello di Matteo e di Marco, scritto prima degli Atti degli Apostoli, verso il 61-63 d. Cr.

Luca


Capitolo 1

Prologo - [1] Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che si sono compiuti in mezzo a noi, [2] come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni oculari fin da principio e divennero ministri della Parola, [3] così anch’io ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza, fin dagli inizi, e di scriverne un resoconto ordinato per te, illustre Teòfilo, [4] in modo che tu possa renderti conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto.

Infanzia e giovinezza

Un angelo custode annuncia la nascita del Precursore - [5] Al tempo di Erode, re della Giudea, vi era un sacerdote di nome Zaccaria, della classe di Abia, che aveva in moglie una discendente di Aronne, di nome Elisabetta. [6] Ambedue erano giusti davanti a Dio e osservavano irreprensibili tutte le leggi e le prescrizioni del Signore. [7] Essi non avevano figli, perché Elisabetta era sterile e tutti e due erano avanti negli anni.
[8] Avvenne che, mentre Zaccaria svolgeva le sue funzioni sacerdotali davanti al Signore durante il turno della sua classe, [9] gli toccò in sorte, secondo l’usanza del servizio sacerdotale, di entrare nel tempio del Signore per fare l’offerta dell’incenso. [10] Fuori, tutta l’assemblea del popolo stava pregando nell’ora dell’incenso. [11] Apparve a lui un angelo del Signore, ritto alla destra dell’altare dell’incenso. [12] Quando lo vide, Zaccaria si turbò e fu preso da timore. [13] Ma l’angelo gli disse: «Non temere, Zaccaria, la tua preghiera è stata esaudita e tua moglie Elisabetta ti darà un figlio, e tu lo chiamerai Giovanni. [14] Avrai gioia ed esultanza, e molti si rallegreranno della sua nascita, [15] perché egli sarà grande davanti al Signore; non berrà vino né bevande inebrianti, sarà colmato di Spirito Santo fin dal seno di sua madre [16] e ricondurrà molti figli d’Israele al Signore loro Dio. [17] Egli camminerà innanzi a lui con lo spirito e la potenza di Elia, per ricondurre i cuori dei padri verso i figli e i ribelli alla saggezza dei giusti e preparare al Signore un popolo ben disposto». [18] Zaccaria disse all’angelo: «Come potrò mai conoscere questo? Io sono vecchio e mia moglie è avanti negli anni». [19] L’angelo gli rispose: «Io sono Gabriele, che sto dinanzi a Dio e sono stato mandato a parlarti e a portarti questo lieto annuncio. [20] Ed ecco, tu sarai muto e non potrai parlare fino al giorno in cui queste cose avverranno, perché non hai creduto alle mie parole, che si compiranno a loro tempo».
[21] Intanto il popolo stava in attesa di Zaccaria e si meravigliava per il suo indugiare nel tempio. [22] Quando poi uscì e non poteva parlare loro, capirono che nel tempio aveva avuto una visione. Faceva loro dei cenni e restava muto.
[23] Compiuti i giorni del suo servizio, tornò a casa. [24] Dopo quei giorni Elisabetta, sua moglie, concepì e si tenne nascosta per cinque mesi e diceva: [25] «Ecco che cosa ha fatto per me il Signore, nei giorni in cui si è degnato di togliere la mia vergogna fra gli uomini».
Annunziazione di Maria e Incarnazione del Verbo - [26] Al sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, [27] a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. [28] Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te».
[29] A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. [30] L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. [31] Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. [32] Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre [33] e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
[34] Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». [35] Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. [36] Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: [37] nulla è impossibile a Dio». [38] Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.
Visita ad Elisabetta - [39] In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. [40] Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. [41] Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo [42] ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! [43] A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? [44] Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. [45] E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».
[46] Allora Maria disse:
«L’anima mia magnifica il Signore
[47] e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
[48] perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
[49] Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente
e Santo è il suo nome;
[50] di generazione in generazione la sua misericordia
per quelli che lo temono.
[51] Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
[52] ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
[53] ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
[54] Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
[55] come aveva detto ai nostri padri,
per Abramo e la sua discendenza, per sempre».
[56] Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.
Nascita di Giovanni Battista - [57] Per Elisabetta intanto si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. [58] I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.
[59] Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccaria. [60] Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». [61] Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome». [62] Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. [63] Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. [64] All’istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio. [65] Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. [66] Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui.
Il Benedetto - [67] Zaccaria, suo padre, fu colmato di Spirito Santo e profetò dicendo:
[68] «Benedetto il Signore, Dio d’Israele,
perché ha visitato e redento il suo popolo,
[69] e ha suscitato per noi un Salvatore potente
nella casa di Davide, suo servo,
[70] come aveva detto
per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:
[71] salvezza dai nostri nemici,
e dalle mani di quanti ci odiano.
[72] Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri
e si è ricordato della sua santa alleanza,
[73] del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,
di concederci, [74] liberati dalle mani dei nemici,
di servirlo senza timore, [75] in santità e giustizia
al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.
[76] E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo
perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,
[77] per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza
nella remissione dei suoi peccati.
[78] Grazie alla tenerezza e misericordia del nostro Dio,
ci visiterà un sole che sorge dall’alto,
[79] per risplendere su quelli che stanno nelle tenebre
e nell’ombra di morte,
e dirigere i nostri passi
sulla via della pace».
[80] Il bambino cresceva e si fortificava nello spirito. Visse in regioni deserte fino al giorno della sua manifestazione a Israele.

Capitolo 2

Nascita di Gesù - [1] In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. [2] Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. [3] Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. [4] Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. [5] Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. [6] Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. [7] Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.
I Pastori al Presepio - [8] C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. [9] Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, [10] ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: [11] oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. [12] Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». [13] E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva:
[14] «Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».
[15] Appena gli angeli si furono allontanati da loro, verso il cielo, i pastori dicevano l’un l’altro: «Andiamo dunque fino a Betlemme, vediamo questo avvenimento che il Signore ci ha fatto conoscere». [16] Andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. [17] E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. [18] Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. [19] Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. [20] I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro.
Circoncisione e presentazione al Tempio - [21] Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.
[22] Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosè, portarono il bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore – [23] come è scritto nella legge del Signore: Ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore – [24] e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o due giovani colombi, come prescrive la legge del Signore.
[25] Ora a Gerusalemme c’era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione d’Israele, e lo Spirito Santo era su di lui. [26] Lo Spirito Santo gli aveva preannunciato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Cristo del Signore. [27] Mosso dallo Spirito, si recò al tempio e, mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per fare ciò che la Legge prescriveva a suo riguardo, [28] anch’egli lo accolse tra le braccia e benedisse Dio, dicendo:
[29] «Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo
vada in pace, secondo la tua parola,
[30] perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza,
[31] preparata da te davanti a tutti i popoli:
[32] luce per rivelarti alle genti
e gloria del tuo popolo, Israele».
[33] Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. [34] Simeone li benedisse e a Maria, sua madre, disse: «Ecco, egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione [35] – e anche a te una spada trafiggerà l’anima –, affinché siano svelati i pensieri di molti cuori».
Anna la profetessa - [36] C’era anche una profetessa, Anna, figlia di Fanuele, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto con il marito sette anni dopo il suo matrimonio, [37] era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. [38] Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme.
[39] Quando ebbero adempiuto ogni cosa secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nàzaret. [40] Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui.
Gesù fra i dottori - [41] I suoi genitori si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. [42] Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. [43] Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. [44] Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; [45] non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme. [46] Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. [47] E tutti quelli che l’udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. [48] Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». [49] Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». [50] Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro.
[51] Scese dunque con loro e venne a Nàzaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore. [52] E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini.

Capitolo 3

Predicazione del Battista - [1] Nell’anno quindicesimo dell’impero di Tiberio Cesare, mentre Ponzio Pilato era governatore della Giudea, Erode tetrarca della Galilea, e Filippo, suo fratello, tetrarca dell’Iturea e della Traconìtide, e Lisània tetrarca dell’Abilene, [2] sotto i sommi sacerdoti Anna e Caifa, la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto. [3] Egli percorse tutta la regione del Giordano, predicando un battesimo di conversione per il perdono dei peccati, [4] com’è scritto nel libro degli oracoli del profeta Isaia:
Voce di uno che grida nel deserto:
Preparate la via del Signore,
raddrizzate i suoi sentieri!
[5] Ogni burrone sarà riempito,
ogni monte e ogni colle sarà abbassato;
le vie tortuose diverranno diritte
e quelle impervie, spianate.
[6] Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio!
[7] Alle folle che andavano a farsi battezzare da lui, Giovanni diceva: «Razza di vipere, chi vi ha fatto credere di poter sfuggire all’ira imminente? [8] Fate dunque frutti degni della conversione e non cominciate a dire fra voi: “Abbiamo Abramo per padre!”. Perché io vi dico che da queste pietre Dio può suscitare figli ad Abramo. [9] Anzi, già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco».
[10] Le folle lo interrogavano: «Che cosa dobbiamo fare?». [11] Rispondeva loro: «Chi ha due tuniche ne dia a chi non ne ha, e chi ha da mangiare faccia altrettanto». [12] Vennero anche dei pubblicani a farsi battezzare e gli chiesero: «Maestro, che cosa dobbiamo fare?». [13] Ed egli disse loro: «Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato». [14] Lo interrogavano anche alcuni soldati: «E noi, che cosa dobbiamo fare?». Rispose loro: «Non maltrattate e non estorcete niente a nessuno; accontentatevi delle vostre paghe».
[15] Poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo, [16] Giovanni rispose a tutti dicendo: «Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. [17] Tiene in mano la pala per pulire la sua aia e per raccogliere il frumento nel suo granaio; ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile».
[18] Con molte altre esortazioni Giovanni evangelizzava il popolo.
[19] Ma il tetrarca Erode, rimproverato da lui a causa di Erodìade, moglie di suo fratello, e per tutte le malvagità che aveva commesso, [20] aggiunse alle altre anche questa: fece rinchiudere Giovanni in prigione.
Battesimo di Gesù - [21] Ed ecco, mentre tutto il popolo veniva battezzato e Gesù, ricevuto anche lui il battesimo, stava in preghiera, il cielo si aprì [22] e discese sopra di lui lo Spirito Santo in forma corporea, come una colomba, e venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento».
Genealogia di Gesù - [23] Gesù, quando cominciò il suo ministero, aveva circa trent’anni ed era figlio, come si riteneva, di Giuseppe, figlio di Eli, [24] figlio di Mattat, figlio di Levi, figlio di Melchi, figlio di Innai, figlio di Giuseppe, [25] figlio di Mattatia, figlio di Amos, figlio di Naum, figlio di Esli, figlio di Naggai, [26] figlio di Maat, figlio di Mattatia, figlio di Semein, figlio di Iosec, figlio di Ioda, [27] figlio di Ioanàn, figlio di Resa, figlio di Zorobabele, figlio di Salatièl, figlio di Neri, [28] figlio di Melchi, figlio di Addi, figlio di Cosam, figlio di Elmadàm, figlio di Er, [29] figlio di Gesù, figlio di Elièzer, figlio di Iorim, figlio di Mattat, figlio di Levi, [30] figlio di Simeone, figlio di Giuda, figlio di Giuseppe, figlio di Ionam, figlio di Eliachìm, [31] figlio di Melea, figlio di Menna, figlio di Mattatà, figlio di Natam, figlio di Davide, [32] figlio di Iesse, figlio di Obed, figlio di Booz, figlio di Sala, figlio di Naassòn, [33] figlio di Aminadàb, figlio di Admin, figlio di Arni, figlio di Esrom, figlio di Fares, figlio di Giuda, [34] figlio di Giacobbe, figlio di Isacco, figlio di Abramo, figlio di Tare, figlio di Nacor, [35] figlio di Seruc, figlio di Ragàu, figlio di Falek, figlio di Eber, figlio di Sala, [36] figlio di Cainam, figlio di Arfacsàd, figlio di Sem, figlio di Noè, figlio di Lamec, [37] figlio di Matusalemme, figlio di Enoc, figlio di Iaret, figlio di Maleleèl, figlio di Cainam, [38] figlio di Enos, figlio di Set, figlio di Adamo, figlio di Dio.

Capitolo 4

Tentazioni di Gesù - [1] Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, [2] per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. [3] Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ a questa pietra che diventi pane». [4] Gesù gli rispose: «Sta scritto: Non di solo pane vivrà l’uomo».
[5] Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un istante tutti i regni della terra [6] e gli disse: «Ti darò tutto questo potere e la loro gloria, perché a me è stata data e io la do a chi voglio. [7] Perciò, se ti prostrerai in adorazione dinanzi a me, tutto sarà tuo». [8] Gesù gli rispose: «Sta scritto: Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto».
[9] Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù di qui; [10] sta scritto infatti:
Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo
affinché essi ti custodiscano;
[11] e anche:
Essi ti porteranno sulle loro mani
perché il tuo piede non inciampi in una pietra».
[12] Gesù gli rispose: «È stato detto: Non metterai alla prova il Signore Dio tuo».
[13] Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato.

Ministero in Galilea

A Nazaret - [14] Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. [15] Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode.
[16] Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. [17] Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:
[18] Lo Spirito del Signore è sopra di me;
per questo mi ha consacrato con l’unzione
e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
a rimettere in libertà gli oppressi,
[19] a proclamare l’anno di grazia del Signore.
[20] Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. [21] Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».
[22] Tutti gli davano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: «Non è costui il figlio di Giuseppe?». [23] Ma egli rispose loro: «Certamente voi mi citerete questo proverbio: “Medico, cura te stesso. Quanto abbiamo udito che accadde a Cafàrnao, fallo anche qui, nella tua patria!”». [24] Poi aggiunse: «In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. [25] Anzi, in verità io vi dico: c’erano molte vedove in Israele al tempo di Elia, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; [26] ma a nessuna di esse fu mandato Elia, se non a una vedova a Sarepta di Sidone. [27] C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Eliseo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro».
[28] All’udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. [29] Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. [30] Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino.
A Cafarnao liberazione di un indemoniato - [31] Poi scese a Cafàrnao, città della Galilea, e in giorno di sabato insegnava alla gente. [32] Erano stupiti del suo insegnamento perché la sua parola aveva autorità.
[33] Nella sinagoga c’era un uomo che era posseduto da un demonio impuro; cominciò a gridare forte: [34] «Basta! Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». [35] Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E il demonio lo gettò a terra in mezzo alla gente e uscì da lui, senza fargli alcun male. [36] Tutti furono presi da timore e si dicevano l’un l’altro: «Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti impuri ed essi se ne vanno?». [37] E la sua fama si diffondeva in ogni luogo della regione circostante.
Guarigione della suocera di Pietro e altri prodigi - [38] Uscito dalla sinagoga, entrò nella casa di Simone. La suocera di Simone era in preda a una grande febbre e lo pregarono per lei. [39] Si chinò su di lei, comandò alla febbre e la febbre la lasciò. E subito si alzò in piedi e li serviva.
[40] Al calar del sole, tutti quelli che avevano infermi affetti da varie malattie li condussero a lui. Ed egli, imponendo su ciascuno le mani, li guariva. [41] Da molti uscivano anche demòni, gridando: «Tu sei il Figlio di Dio!». Ma egli li minacciava e non li lasciava parlare, perché sapevano che era lui il Cristo.
[42] Sul far del giorno uscì e si recò in un luogo deserto. Ma le folle lo cercavano, lo raggiunsero e tentarono di trattenerlo perché non se ne andasse via. [43] Egli però disse loro: «È necessario che io annunci la buona notizia del regno di Dio anche alle altre città; per questo sono stato mandato». [44] E andava predicando nelle sinagoghe della Giudea.

Capitolo 5

Pesca miracolosa - [1] Mentre la folla gli faceva ressa attorno per ascoltare la parola di Dio, Gesù, stando presso il lago di Gennèsaret, [2] vide due barche accostate alla sponda. I pescatori erano scesi e lavavano le reti. [3] Salì in una barca, che era di Simone, e lo pregò di scostarsi un poco da terra. Sedette e insegnava alle folle dalla barca.
[4] Quando ebbe finito di parlare, disse a Simone: «Prendi il largo e gettate le vostre reti per la pesca». [5] Simone rispose: «Maestro, abbiamo faticato tutta la notte e non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti». [6] Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano. [7] Allora fecero cenno ai compagni dell’altra barca, che venissero ad aiutarli. Essi vennero e riempirono tutte e due le barche fino a farle quasi affondare. [8] Al vedere questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontànati da me, perché sono un peccatore». [9] Lo stupore infatti aveva invaso lui e tutti quelli che erano con lui, per la pesca che avevano fatto; [10] così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedeo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d’ora in poi sarai pescatore di uomini». [11] E, tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono.
Il lebbroso guarito - [12] Mentre Gesù si trovava in una città, ecco, un uomo coperto di lebbra lo vide e gli si gettò dinanzi, pregandolo: «Signore, se vuoi, puoi purificarmi». [13] Gesù tese la mano e lo toccò dicendo: «Lo voglio, sii purificato!». E immediatamente la lebbra scomparve da lui. [14] Gli ordinò di non dirlo a nessuno: «Va’ invece a mostrarti al sacerdote e fa’ l’offerta per la tua purificazione, come Mosè ha prescritto, a testimonianza per loro». [15] Di lui si parlava sempre di più, e folle numerose venivano per ascoltarlo e farsi guarire dalle loro malattie. [16] Ma egli si ritirava in luoghi deserti a pregare.
Il paralitico guarito - [17] Un giorno stava insegnando. Sedevano là anche dei farisei e maestri della Legge, venuti da ogni villaggio della Galilea e della Giudea, e da Gerusalemme. E la potenza del Signore gli faceva operare guarigioni. [18] Ed ecco, alcuni uomini, portando su un letto un uomo che era paralizzato, cercavano di farlo entrare e di metterlo davanti a lui. [19] Non trovando da quale parte farlo entrare a causa della folla, salirono sul tetto e, attraverso le tegole, lo calarono con il lettuccio davanti a Gesù nel mezzo della stanza. [20] Vedendo la loro fede, disse: «Uomo, ti sono perdonati i tuoi peccati». [21] Gli scribi e i farisei cominciarono a discutere, dicendo: «Chi è costui che dice bestemmie? Chi può perdonare i peccati, se non Dio soltanto?». [22] Ma Gesù, conosciuti i loro ragionamenti, rispose: «Perché pensate così nel vostro cuore? [23] Che cosa è più facile: dire “Ti sono perdonati i tuoi peccati”, oppure dire “Àlzati e cammina”? [24] Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati, dico a te – disse al paralitico –: àlzati, prendi il tuo lettuccio e torna a casa tua». [25] Subito egli si alzò davanti a loro, prese il lettuccio su cui era disteso e andò a casa sua, glorificando Dio. [26] Tutti furono colti da stupore e davano gloria a Dio; pieni di timore dicevano: «Oggi abbiamo visto cose prodigiose».
Vocazione di Levi - [27] Dopo questo egli uscì e vide un pubblicano di nome Levi, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi!». [28] Ed egli, lasciando tutto, si alzò e lo seguì.
[29] Poi Levi gli preparò un grande banchetto nella sua casa. C’era una folla numerosa di pubblicani e di altra gente, che erano con loro a tavola. [30] I farisei e i loro scribi mormoravano e dicevano ai suoi discepoli: «Come mai mangiate e bevete insieme ai pubblicani e ai peccatori?». [31] Gesù rispose loro: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; [32] io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori perché si convertano».
Il digiuno cristiano - [33] Allora gli dissero: «I discepoli di Giovanni digiunano spesso e fanno preghiere, così pure i discepoli dei farisei; i tuoi invece mangiano e bevono!». [34] Gesù rispose loro: «Potete forse far digiunare gli invitati a nozze quando lo sposo è con loro? [35] Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto: allora in quei giorni digiuneranno».
[36] Diceva loro anche una parabola: «Nessuno strappa un pezzo da un vestito nuovo per metterlo su un vestito vecchio; altrimenti il nuovo lo strappa e al vecchio non si adatta il pezzo preso dal nuovo. [37] E nessuno versa vino nuovo in otri vecchi; altrimenti il vino nuovo spaccherà gli otri, si spanderà e gli otri andranno perduti. [38] Il vino nuovo bisogna versarlo in otri nuovi. [39] Nessuno poi che beve il vino vecchio desidera il nuovo, perché dice: “Il vecchio è gradevole!”».

Capitolo 6

Il sabato - [1] Un sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli coglievano e mangiavano le spighe, sfregandole con le mani. [2] Alcuni farisei dissero: «Perché fate in giorno di sabato quello che non è lecito?». [3] Gesù rispose loro: «Non avete letto quello che fece Davide, quando lui e i suoi compagni ebbero fame? [4] Come entrò nella casa di Dio, prese i pani dell’offerta, ne mangiò e ne diede ai suoi compagni, sebbene non sia lecito mangiarli se non ai soli sacerdoti?». [5] E diceva loro: «Il Figlio dell’uomo è signore del sabato».
[6] Un altro sabato egli entrò nella sinagoga e si mise a insegnare. C’era là un uomo che aveva la mano destra paralizzata. [7] Gli scribi e i farisei lo osservavano per vedere se lo guariva in giorno di sabato, per trovare di che accusarlo. [8] Ma Gesù conosceva i loro pensieri e disse all’uomo che aveva la mano paralizzata: «Àlzati e mettiti qui in mezzo!». Si alzò e si mise in mezzo. [9] Poi Gesù disse loro: «Domando a voi: in giorno di sabato, è lecito fare del bene o fare del male, salvare una vita o sopprimerla?». [10] E guardandoli tutti intorno, disse all’uomo: «Tendi la tua mano!». Egli lo fece e la sua mano fu guarita. [11] Ma essi, fuori di sé dalla collera, si misero a discutere tra loro su quello che avrebbero potuto fare a Gesù.
Elezione degli Apostoli - [12] In quei giorni egli se ne andò sul monte a pregare e passò tutta la notte pregando Dio. [13] Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede anche il nome di apostoli: [14] Simone, al quale diede anche il nome di Pietro; Andrea, suo fratello; Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, [15] Matteo, Tommaso; Giacomo, figlio di Alfeo; Simone, detto Zelota; [16] Giuda, figlio di Giacomo; e Giuda Iscariota, che divenne il traditore.
Il discorso della montagna - [17] Disceso con loro, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidone, [18] che erano venuti per ascoltarlo ed essere guariti dalle loro malattie; anche quelli che erano tormentati da spiriti impuri venivano guariti. [19] Tutta la folla cercava di toccarlo, perché da lui usciva una forza che guariva tutti.
[20] Ed egli, alzàti gli occhi verso i suoi discepoli, diceva:
«Beati voi, poveri,
perché vostro è il regno di Dio.
[21] Beati voi, che ora avete fame,
perché sarete saziati.
Beati voi, che ora piangete,
perché riderete.
[22] Beati voi, quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno il vostro nome come infame, a causa del Figlio dell’uomo. [23] Rallegratevi in quel giorno ed esultate perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i profeti.
[24] Ma guai a voi, ricchi,
perché avete già ricevuto la vostra consolazione.
[25] Guai a voi, che ora siete sazi,
perché avrete fame.
Guai a voi, che ora ridete,
perché sarete nel dolore e piangerete.
[26] Guai, quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i falsi profeti.
[27] Ma a voi che ascoltate, io dico: amate i vostri nemici, fate del bene a quelli che vi odiano, [28] benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi trattano male.
[29] A chi ti percuote sulla guancia, offri anche l’altra; a chi ti strappa il mantello, non rifiutare neanche la tunica. [30] Da’ a chiunque ti chiede, e a chi prende le cose tue, non chiederle indietro.
[31] E come volete che gli uomini facciano a voi, così anche voi fate a loro. [32] Se amate quelli che vi amano, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori amano quelli che li amano. [33] E se fate del bene a coloro che fanno del bene a voi, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori fanno lo stesso. [34] E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. [35] Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e la vostra ricompensa sarà grande e sarete figli dell’Altissimo, perché egli è benevolo verso gli ingrati e i malvagi.
[36] Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso.
[37] Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati. [38] Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio».
[39] Disse loro anche una parabola: «Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutti e due in un fosso? [40] Un discepolo non è più del maestro; ma ognuno, che sia ben preparato, sarà come il suo maestro.
[41] Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? [42] Come puoi dire al tuo fratello: “Fratello, lascia che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio”, mentre tu stesso non vedi la trave che è nel tuo occhio? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello.
[43] Non vi è albero buono che produca un frutto cattivo, né vi è d’altronde albero cattivo che produca un frutto buono. [44] Ogni albero infatti si riconosce dal suo frutto: non si raccolgono fichi dagli spini, né si vendemmia uva da un rovo. [45] L’uomo buono dal buon tesoro del suo cuore trae fuori il bene; l’uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori il male: la sua bocca infatti esprime ciò che dal cuore sovrabbonda.
[46] Perché mi invocate: “Signore, Signore!” e non fate quello che dico? [47] Chiunque viene a me e ascolta le mie parole e le mette in pratica, vi mostrerò a chi è simile: [48] è simile a un uomo che, costruendo una casa, ha scavato molto profondo e ha posto le fondamenta sulla roccia. Venuta la piena, il fiume investì quella casa, ma non riuscì a smuoverla perché era costruita bene. [49] Chi invece ascolta e non mette in pratica, è simile a un uomo che ha costruito una casa sulla terra, senza fondamenta. Il fiume la investì e subito crollò; e la distruzione di quella casa fu grande».

Capitolo 7

Il servo del centurione - [1] Quando ebbe terminato di rivolgere tutte le sue parole al popolo che stava in ascolto, Gesù entrò in Cafàrnao. [2] Il servo di un centurione era ammalato e stava per morire. Il centurione l’aveva molto caro. [3] Perciò, avendo udito parlare di Gesù, gli mandò alcuni anziani dei Giudei a pregarlo di venire e di salvare il suo servo. [4] Costoro, giunti da Gesù, lo supplicavano con insistenza: «Egli merita che tu gli conceda quello che chiede – dicevano –, [5] perché ama il nostro popolo ed è stato lui a costruirci la sinagoga». [6] Gesù si incamminò con loro. Non era ormai molto distante dalla casa, quando il centurione mandò alcuni amici a dirgli: «Signore, non disturbarti! Io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto; [7] per questo io stesso non mi sono ritenuto degno di venire da te; ma di’ una parola e il mio servo sarà guarito. [8] Anch’io infatti sono nella condizione di subalterno e ho dei soldati sotto di me e dico a uno: “Va’!”, ed egli va; e a un altro: “Vieni!”, ed egli viene; e al mio servo: “Fa’ questo!”, ed egli lo fa». [9] All’udire questo, Gesù lo ammirò e, volgendosi alla folla che lo seguiva, disse: «Io vi dico che neanche in Israele ho trovato una fede così grande!». [10] E gli inviati, quando tornarono a casa, trovarono il servo guarito.
Il figlio della vedova di Naim - [11] In seguito Gesù si recò in una città chiamata Nain, e con lui camminavano i suoi discepoli e una grande folla. [12] Quando fu vicino alla porta della città, ecco, veniva portato alla tomba un morto, unico figlio di una madre rimasta vedova; e molta gente della città era con lei. [13] Vedendola, il Signore fu preso da grande compassione per lei e le disse: «Non piangere!». [14] Si avvicinò e toccò la bara, mentre i portatori si fermarono. Poi disse: «Ragazzo, dico a te, àlzati!». [15] Il morto si mise seduto e cominciò a parlare. Ed egli lo restituì a sua madre. [16] Tutti furono presi da timore e glorificavano Dio, dicendo: «Un grande profeta è sorto tra noi», e: «Dio ha visitato il suo popolo». [17] Questa fama di lui si diffuse per tutta quanta la Giudea e in tutta la regione circostante.
Legazione di Giovanni Battista - [18] Giovanni fu informato dai suoi discepoli di tutte queste cose. Chiamati quindi due di loro, Giovanni [19] li mandò a dire al Signore: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». [20] Venuti da lui, quegli uomini dissero: «Giovanni il Battista ci ha mandati da te per domandarti: “Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?”». [21] In quello stesso momento Gesù guarì molti da malattie, da infermità, da spiriti cattivi e donò la vista a molti ciechi. [22] Poi diede loro questa risposta: «Andate e riferite a Giovanni ciò che avete visto e udito: i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciata la buona notizia. [23] E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».
Elogio del Battista - [24] Quando gli inviati di Giovanni furono partiti, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? [25] Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che portano vesti sontuose e vivono nel lusso stanno nei palazzi dei re. [26] Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. [27] Egli è colui del quale sta scritto:
Ecco, dinanzi a te mando il mio messaggero,
davanti a te egli preparerà la tua via.
[28] Io vi dico: fra i nati da donna non vi è alcuno più grande di Giovanni, ma il più piccolo nel regno di Dio è più grande di lui.
[29] Tutto il popolo che lo ascoltava, e anche i pubblicani, ricevendo il battesimo di Giovanni, hanno riconosciuto che Dio è giusto. [30] Ma i farisei e i dottori della Legge, non facendosi battezzare da lui, hanno reso vano il disegno di Dio su di loro.
[31] A chi dunque posso paragonare la gente di questa generazione? A chi è simile? [32] È simile a bambini che, seduti in piazza, gridano gli uni agli altri così:
“Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato,
abbiamo cantato un lamento e non avete pianto!”.
[33] È venuto infatti Giovanni il Battista, che non mangia pane e non beve vino, e voi dite: “È indemoniato”. [34] È venuto il Figlio dell’uomo, che mangia e beve, e voi dite: “Ecco un mangione e un beone, un amico di pubblicani e di peccatori!”. [35] Ma la Sapienza è stata riconosciuta giusta da tutti i suoi figli».
Il Fariseo e la peccatrice - [36] Uno dei farisei lo invitò a mangiare da lui. Egli entrò nella casa del fariseo e si mise a tavola. [37] Ed ecco, una donna, una peccatrice di quella città, saputo che si trovava nella casa del fariseo, portò un vaso di profumo; [38] stando dietro, presso i piedi di lui, piangendo, cominciò a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di profumo. [39] Vedendo questo, il fariseo che l’aveva invitato disse tra sé: «Se costui fosse un profeta, saprebbe chi è, e di quale genere è la donna che lo tocca: è una peccatrice!».
[40] Gesù allora gli disse: «Simone, ho da dirti qualcosa». Ed egli rispose: «Di’ pure, maestro». [41] «Un creditore aveva due debitori: uno gli doveva cinquecento denari, l’altro cinquanta. [42] Non avendo essi di che restituire, condonò il debito a tutti e due. Chi di loro dunque lo amerà di più?». [43] Simone rispose: «Suppongo sia colui al quale ha condonato di più». Gli disse Gesù: «Hai giudicato bene». [44] E, volgendosi verso la donna, disse a Simone: «Vedi questa donna? Sono entrato in casa tua e tu non mi hai dato l’acqua per i piedi; lei invece mi ha bagnato i piedi con le lacrime e li ha asciugati con i suoi capelli. [45] Tu non mi hai dato un bacio; lei invece, da quando sono entrato, non ha cessato di baciarmi i piedi. [46] Tu non hai unto con olio il mio capo; lei invece mi ha cosparso i piedi di profumo. [47] Per questo io ti dico: sono perdonati i suoi molti peccati, perché ha molto amato. Invece colui al quale si perdona poco, ama poco». [48] Poi disse a lei: «I tuoi peccati sono perdonati». [49] Allora i commensali cominciarono a dire tra sé: «Chi è costui che perdona anche i peccati?». [50] Ma egli disse alla donna: «La tua fede ti ha salvata; va’ in pace!».

Capitolo 8

Le donne alla sequela di Gesù - [1] In seguito egli se ne andava per città e villaggi, predicando e annunciando la buona notizia del regno di Dio. C’erano con lui i Dodici [2] e alcune donne che erano state guarite da spiriti cattivi e da infermità: Maria, chiamata Maddalena, dalla quale erano usciti sette demòni; [3] Giovanna, moglie di Cuza, amministratore di Erode; Susanna e molte altre, che li servivano con i loro beni.
Parabola del seminatore - [4] Poiché una grande folla si radunava e accorreva a lui gente da ogni città, Gesù disse con una parabola: [5] «Il seminatore uscì a seminare il suo seme. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada e fu calpestata, e gli uccelli del cielo la mangiarono. [6] Un’altra parte cadde sulla pietra e, appena germogliata, seccò per mancanza di umidità. [7] Un’altra parte cadde in mezzo ai rovi e i rovi, cresciuti insieme con essa, la soffocarono. [8] Un’altra parte cadde sul terreno buono, germogliò e fruttò cento volte tanto». Detto questo, esclamò: «Chi ha orecchi per ascoltare, ascolti!».
[9] I suoi discepoli lo interrogavano sul significato della parabola. [10] Ed egli disse: «A voi è dato conoscere i misteri del regno di Dio, ma agli altri solo con parabole, affinché
vedendo non vedano
e ascoltando non comprendano.
[11] Il significato della parabola è questo: il seme è la parola di Dio. [12] I semi caduti lungo la strada sono coloro che l’hanno ascoltata, ma poi viene il diavolo e porta via la Parola dal loro cuore, perché non avvenga che, credendo, siano salvati. [13] Quelli sulla pietra sono coloro che, quando ascoltano, ricevono la Parola con gioia, ma non hanno radici; credono per un certo tempo, ma nel tempo della prova vengono meno. [14] Quello caduto in mezzo ai rovi sono coloro che, dopo aver ascoltato, strada facendo si lasciano soffocare da preoccupazioni, ricchezze e piaceri della vita e non giungono a maturazione. [15] Quello sul terreno buono sono coloro che, dopo aver ascoltato la Parola con cuore integro e buono, la custodiscono e producono frutto con perseveranza.
[16] Nessuno accende una lampada e la copre con un vaso o la mette sotto un letto, ma la pone su un candelabro, perché chi entra veda la luce. [17] Non c’è nulla di segreto che non sia manifestato, nulla di nascosto che non sia conosciuto e venga in piena luce. [18] Fate attenzione dunque a come ascoltate; perché a chi ha, sarà dato, ma a chi non ha, sarà tolto anche ciò che crede di avere».
I parenti di Gesù - [19] E andarono da lui la madre e i suoi fratelli, ma non potevano avvicinarlo a causa della folla. [20] Gli fecero sapere: «Tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e desiderano vederti». [21] Ma egli rispose loro: «Mia madre e miei fratelli sono questi: coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica».
La tempesta sedata - [22] E avvenne che, uno di quei giorni, Gesù salì su una barca con i suoi discepoli e disse loro: «Passiamo all’altra riva del lago». E presero il largo. [23] Ora, mentre navigavano, egli si addormentò. Una tempesta di vento si abbatté sul lago, imbarcavano acqua ed erano in pericolo. [24] Si accostarono a lui e lo svegliarono dicendo: «Maestro, maestro, siamo perduti!». Ed egli, destatosi, minacciò il vento e le acque in tempesta: si calmarono e ci fu bonaccia. [25] Allora disse loro: «Dov’è la vostra fede?». Essi, impauriti e stupiti, dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, che comanda anche ai venti e all’acqua, e gli obbediscono?».
L'indemoniato di Gerasa - [26] Approdarono nel paese dei Gerasèni, che sta di fronte alla Galilea. [27] Era appena sceso a terra, quando dalla città gli venne incontro un uomo posseduto dai demòni. Da molto tempo non portava vestiti, né abitava in casa, ma in mezzo alle tombe. [28] Quando vide Gesù, gli si gettò ai piedi urlando, e disse a gran voce: «Che vuoi da me, Gesù, Figlio del Dio altissimo? Ti prego, non tormentarmi!». [29] Gesù aveva ordinato allo spirito impuro di uscire da quell’uomo. Molte volte infatti si era impossessato di lui; allora lo tenevano chiuso, legato con catene e con i ceppi ai piedi, ma egli spezzava i legami e veniva spinto dal demonio in luoghi deserti. [30] Gesù gli domandò: «Qual è il tuo nome?». Rispose: «Legione», perché molti demòni erano entrati in lui. [31] E lo scongiuravano che non ordinasse loro di andarsene nell’abisso. [32] Vi era là una grande mandria di porci, al pascolo sul monte. I demòni lo scongiurarono che concedesse loro di entrare nei porci. Glielo permise. [33] I demòni, usciti dall’uomo, entrarono nei porci e la mandria si precipitò, giù dalla rupe, nel lago e annegò.
[34] Quando videro ciò che era accaduto, i mandriani fuggirono e portarono la notizia nella città e nelle campagne. [35] La gente uscì per vedere l’accaduto e, quando arrivarono da Gesù, trovarono l’uomo dal quale erano usciti i demòni, vestito e sano di mente, che sedeva ai piedi di Gesù, ed ebbero paura. [36] Quelli che avevano visto riferirono come l’indemoniato era stato salvato. [37] Allora tutta la popolazione del territorio dei Gerasèni gli chiese che si allontanasse da loro, perché avevano molta paura. Egli, salito su una barca, tornò indietro. [38] L’uomo dal quale erano usciti i demòni gli chiese di restare con lui, ma egli lo congedò dicendo: [39] «Torna a casa tua e racconta quello che Dio ha fatto per te». E quello se ne andò, proclamando per tutta la città quello che Gesù aveva fatto per lui.
La figlia di Giairo e l'emorroissa - [40] Al suo ritorno, Gesù fu accolto dalla folla, perché tutti erano in attesa di lui. [41] Ed ecco, venne un uomo di nome Giàiro, che era capo della sinagoga: si gettò ai piedi di Gesù e lo pregava di recarsi a casa sua, [42] perché l’unica figlia che aveva, di circa dodici anni, stava per morire.
Mentre Gesù vi si recava, le folle gli si accalcavano attorno. [43] E una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni, la quale, pur avendo speso tutti i suoi beni per i medici, non aveva potuto essere guarita da nessuno, [44] gli si avvicinò da dietro, gli toccò il lembo del mantello e immediatamente l’emorragia si arrestò. [45] Gesù disse: «Chi mi ha toccato?». Tutti negavano. Pietro allora disse: «Maestro, la folla ti stringe da ogni parte e ti schiaccia». [46] Ma Gesù disse: «Qualcuno mi ha toccato. Ho sentito che una forza è uscita da me». [47] Allora la donna, vedendo che non poteva rimanere nascosta, tremante, venne e si gettò ai suoi piedi e dichiarò davanti a tutto il popolo per quale motivo l’aveva toccato e come era stata guarita all’istante. [48] Egli le disse: «Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va’ in pace!».
[49] Stava ancora parlando, quando arrivò uno dalla casa del capo della sinagoga e disse: «Tua figlia è morta, non disturbare più il maestro». [50] Ma Gesù, avendo udito, rispose: «Non temere, soltanto abbi fede e sarà salvata». [51] Giunto alla casa, non permise a nessuno di entrare con lui, fuorché a Pietro, Giovanni e Giacomo e al padre e alla madre della fanciulla. [52] Tutti piangevano e facevano il lamento su di lei. Gesù disse: «Non piangete. Non è morta, ma dorme». [53] Essi lo deridevano, sapendo bene che era morta; [54] ma egli le prese la mano e disse ad alta voce: «Fanciulla, àlzati!». [55] La vita ritornò in lei e si alzò all’istante. Egli ordinò di darle da mangiare. [56] I genitori ne furono sbalorditi, ma egli ordinò loro di non raccontare a nessuno ciò che era accaduto.

Capitolo 9

Missione degli Apostoli - [1] Convocò i Dodici e diede loro forza e potere su tutti i demòni e di guarire le malattie. [2] E li mandò ad annunciare il regno di Dio e a guarire gli infermi. [3] Disse loro: «Non prendete nulla per il viaggio, né bastone, né sacca, né pane, né denaro, e non portatevi due tuniche. [4] In qualunque casa entriate, rimanete là, e di là poi ripartite. [5] Quanto a coloro che non vi accolgono, uscite dalla loro città e scuotete la polvere dai vostri piedi come testimonianza contro di loro». [6] Allora essi uscirono e giravano di villaggio in villaggio, ovunque annunciando la buona notizia e operando guarigioni.
Opinione di Erode intorno a Gesù - [7] Il tetrarca Erode sentì parlare di tutti questi avvenimenti e non sapeva che cosa pensare, perché alcuni dicevano: «Giovanni è risorto dai morti», [8] altri: «È apparso Elia», e altri ancora: «È risorto uno degli antichi profeti». [9] Ma Erode diceva: «Giovanni, l’ho fatto decapitare io; chi è dunque costui, del quale sento dire queste cose?». E cercava di vederlo.
Ritorno deli Apostoli - [10] Al loro ritorno, gli apostoli raccontarono a Gesù tutto quello che avevano fatto. Allora li prese con sé e si ritirò in disparte, verso una città chiamata Betsàida. [11] Ma le folle vennero a saperlo e lo seguirono. Egli le accolse e prese a parlare loro del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure.
Moltiplicazione dei pani - [12] Il giorno cominciava a declinare e i Dodici gli si avvicinarono dicendo: «Congeda la folla perché vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorni, per alloggiare e trovare cibo: qui siamo in una zona deserta». [13] Gesù disse loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Ma essi risposero: «Non abbiamo che cinque pani e due pesci, a meno che non andiamo noi a comprare viveri per tutta questa gente». [14] C’erano infatti circa cinquemila uomini. Egli disse ai suoi discepoli: «Fateli sedere a gruppi di cinquanta circa». [15] Fecero così e li fecero sedere tutti quanti. [16] Egli prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò su di essi la benedizione, li spezzò e li dava ai discepoli perché li distribuissero alla folla. [17] Tutti mangiarono a sazietà e furono portati via i pezzi loro avanzati: dodici ceste.
Confessione di Pietro - [18] Un giorno Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare. I discepoli erano con lui ed egli pose loro questa domanda: «Le folle, chi dicono che io sia?». [19] Essi risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elia; altri uno degli antichi profeti che è risorto». [20] Allora domandò loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro rispose: «Il Cristo di Dio». [21] Egli ordinò loro severamente di non riferirlo ad alcuno.
[22] «Il Figlio dell’uomo – disse – deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno».
Abnegazione cristiana - [23] Poi, a tutti, diceva: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. [24] Chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà. [25] Infatti, quale vantaggio ha un uomo che guadagna il mondo intero, ma perde o rovina se stesso? [26] Chi si vergognerà di me e delle mie parole, di lui si vergognerà il Figlio dell’uomo quando verrà nella gloria sua e del Padre e degli angeli santi. [27] In verità io vi dico: vi sono alcuni, qui presenti, che non morranno prima di aver visto il regno di Dio».
La trasfigurazione - [28] Circa otto giorni dopo questi discorsi, Gesù prese con sé Pietro, Giovanni e Giacomo e salì sul monte a pregare. [29] Mentre pregava, il suo volto cambiò d’aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante. [30] Ed ecco, due uomini conversavano con lui: erano Mosè ed Elia, [31] apparsi nella gloria, e parlavano del suo esodo, che stava per compiersi a Gerusalemme. [32] Pietro e i suoi compagni erano oppressi dal sonno; ma, quando si svegliarono, videro la sua gloria e i due uomini che stavano con lui. [33] Mentre questi si separavano da lui, Pietro disse a Gesù: «Maestro, è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli non sapeva quello che diceva. [34] Mentre parlava così, venne una nube e li coprì con la sua ombra. All’entrare nella nube, ebbero paura. [35] E dalla nube uscì una voce, che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’eletto; ascoltatelo!». [36] Appena la voce cessò, restò Gesù solo. Essi tacquero e in quei giorni non riferirono a nessuno ciò che avevano visto.
L'epilettico guarito - [37] Il giorno seguente, quando furono discesi dal monte, una grande folla gli venne incontro. [38] A un tratto, dalla folla un uomo si mise a gridare: «Maestro, ti prego, volgi lo sguardo a mio figlio, perché è l’unico che ho! [39] Ecco, uno spirito lo afferra e improvvisamente si mette a gridare, lo scuote, provocandogli bava alla bocca, se ne allontana a stento e lo lascia sfinito. [40] Ho pregato i tuoi discepoli di scacciarlo, ma non ci sono riusciti». [41] Gesù rispose: «O generazione incredula e perversa, fino a quando sarò con voi e vi sopporterò? Conduci qui tuo figlio». [42] Mentre questi si avvicinava, il demonio lo gettò a terra scuotendolo con convulsioni. Gesù minacciò lo spirito impuro, guarì il fanciullo e lo consegnò a suo padre. [43] E tutti restavano stupiti di fronte alla grandezza di Dio.
Predizione della Passione - Mentre tutti erano ammirati di tutte le cose che faceva, disse ai suoi discepoli: [44] «Mettetevi bene in mente queste parole: il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini». [45] Essi però non capivano queste parole: restavano per loro così misteriose che non ne coglievano il senso, e avevano timore di interrogarlo su questo argomento.
Unità cristiana - [46] Nacque poi una discussione tra loro, chi di loro fosse più grande. [47] Allora Gesù, conoscendo il pensiero del loro cuore, prese un bambino, se lo mise vicino [48] e disse loro: «Chi accoglierà questo bambino nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato. Chi infatti è il più piccolo fra tutti voi, questi è grande».
[49] Giovanni prese la parola dicendo: «Maestro, abbiamo visto uno che scacciava demòni nel tuo nome e glielo abbiamo impedito, perché non ti segue insieme con noi». [50] Ma Gesù gli rispose: «Non lo impedite, perché chi non è contro di voi, è per voi».

Viaggio a Gerusalemme

Gesù respinto dai Samaritani - [51] Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, egli prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme [52] e mandò messaggeri davanti a sé. Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l’ingresso. [53] Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme. [54] Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». [55] Si voltò e li rimproverò. [56] E si misero in cammino verso un altro villaggio.
Come seguire Gesù - [57] Mentre camminavano per la strada, un tale gli disse: «Ti seguirò dovunque tu vada». [58] E Gesù gli rispose: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo». [59] A un altro disse: «Seguimi». E costui rispose: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». [60] Gli replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio». [61] Un altro disse: «Ti seguirò, Signore; prima però lascia che io mi congedi da quelli di casa mia». [62] Ma Gesù gli rispose: «Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro è adatto per il regno di Dio».

Capitolo 10

Missione dei discepoli - [1] Dopo questi fatti il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. [2] Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! [3] Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; [4] non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. [5] In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. [6] Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. [7] Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. [8] Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, [9] guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”. [10] Ma quando entrerete in una città e non vi accoglieranno, uscite sulle sue piazze e dite: [11] “Anche la polvere della vostra città, che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate però che il regno di Dio è vicino”. [12] Io vi dico che, in quel giorno, Sòdoma sarà trattata meno duramente di quella città.
[13] Guai a te, Corazìn, guai a te, Betsàida! Perché, se a Tiro e a Sidone fossero avvenuti i prodigi che avvennero in mezzo a voi, già da tempo, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. [14] Ebbene, nel giudizio, Tiro e Sidone saranno trattate meno duramente di voi. [15] E tu, Cafàrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai!
[16] Chi ascolta voi ascolta me, chi disprezza voi disprezza me. E chi disprezza me disprezza colui che mi ha mandato».
Ritorno dei discepoli - [17] I settantadue tornarono pieni di gioia, dicendo: «Signore, anche i demòni si sottomettono a noi nel tuo nome». [18] Egli disse loro: «Vedevo Satana cadere dal cielo come una folgore. [19] Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra serpenti e scorpioni e sopra tutta la potenza del nemico: nulla potrà danneggiarvi. [20] Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli».
Il Vangelo rivelato ai piccoli - [21] In quella stessa ora Gesù esultò di gioia nello Spirito Santo e disse: «Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. [22] Tutto è stato dato a me dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo».
[23] E, rivolto ai discepoli, in disparte, disse: «Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. [24] Io vi dico che molti profeti e re hanno voluto vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono».
Il buon Smaritano - [25] Ed ecco, un dottore della Legge si alzò per metterlo alla prova e chiese: «Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?». [26] Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?». [27] Costui rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il tuo prossimo come te stesso». [28] Gli disse: «Hai risposto bene; fa’ questo e vivrai».
[29] Ma quello, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è mio prossimo?». [30] Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e cadde nelle mani dei briganti, che gli portarono via tutto, lo percossero a sangue e se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. [31] Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e, quando lo vide, passò oltre. [32] Anche un levita, giunto in quel luogo, vide e passò oltre. [33] Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto, vide e ne ebbe compassione. [34] Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi lo caricò sulla sua cavalcatura, lo portò in un albergo e si prese cura di lui. [35] Il giorno seguente, tirò fuori due denari e li diede all’albergatore, dicendo: “Abbi cura di lui; ciò che spenderai in più, te lo pagherò al mio ritorno”. [36] Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?». [37] Quello rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va’ e anche tu fa’ così».
Marta e Maria - [38] Mentre erano in cammino, entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò. [39] Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. [40] Marta invece era distolta per i molti servizi. Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». [41] Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, [42] ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».

Capitolo 11

La preghiera cristiana - [1] Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli». [2] Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite:
Padre,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno;
[3] dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,
[4] e perdona a noi i nostri peccati,
anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore,
e non abbandonarci alla tentazione».
[5] Poi disse loro: «Se uno di voi ha un amico e a mezzanotte va da lui a dirgli: “Amico, prestami tre pani, [6] perché è giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da offrirgli”, [7] e se quello dall’interno gli risponde: “Non m’importunare, la porta è già chiusa, io e i miei bambini siamo a letto, non posso alzarmi per darti i pani”, [8] vi dico che, anche se non si alzerà a darglieli perché è suo amico, almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono.
[9] Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. [10] Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto. [11] Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe al posto del pesce? [12] O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? [13] Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono!».
Il demonio muto - [14] Gesù stava scacciando un demonio che era muto. Uscito il demonio, il muto cominciò a parlare e le folle furono prese da stupore. [15] Ma alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». [16] Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo. [17] Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. [18] Ora, se anche Satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. [19] Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. [20] Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.
[21] Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. [22] Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino. [23] Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me disperde.
[24] Quando lo spirito impuro esce dall’uomo, si aggira per luoghi deserti cercando sollievo e, non trovandone, dice: “Ritornerò nella mia casa, da cui sono uscito”. [25] Venuto, la trova spazzata e adorna. [26] Allora va, prende altri sette spiriti peggiori di lui, vi entrano e vi prendono dimora. E l’ultima condizione di quell’uomo diventa peggiore della prima».
Beata colei che ti fu madre - [27] Mentre diceva questo, una donna dalla folla alzò la voce e gli disse: «Beato il grembo che ti ha portato e il seno che ti ha allattato!». [28] Ma egli disse: «Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano!».
Il segno di Giona - [29] Mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire: «Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. [30] Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Ninive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione. [31] Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone. [32] Nel giorno del giudizio, gli abitanti di Ninive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona.
[33] Nessuno accende una lampada e poi la mette in un luogo nascosto o sotto il moggio, ma sul candelabro, perché chi entra veda la luce. [34] La lampada del corpo è il tuo occhio. Quando il tuo occhio è semplice, anche tutto il tuo corpo è luminoso; ma se è cattivo, anche il tuo corpo è tenebroso. [35] Bada dunque che la luce che è in te non sia tenebra. [36] Se dunque il tuo corpo è tutto luminoso, senza avere alcuna parte nelle tenebre, sarà tutto nella luce, come quando la lampada ti illumina con il suo fulgore».
Gesù e i Farisei - [37] Mentre stava parlando, un fariseo lo invitò a pranzo. Egli andò e si mise a tavola. [38] Il fariseo vide e si meravigliò che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo. [39] Allora il Signore gli disse: «Voi farisei pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria. [40] Stolti! Colui che ha fatto l’esterno non ha forse fatto anche l’interno? [41] Date piuttosto in elemosina quello che c’è dentro, ed ecco, per voi tutto sarà puro. [42] Ma guai a voi, farisei, che pagate la decima sulla menta, sulla ruta e su tutte le erbe, e lasciate da parte la giustizia e l’amore di Dio. Queste invece erano le cose da fare, senza trascurare quelle. [43] Guai a voi, farisei, che amate i primi posti nelle sinagoghe e i saluti sulle piazze. [44] Guai a voi, perché siete come quei sepolcri che non si vedono e la gente vi passa sopra senza saperlo».
[45] Intervenne uno dei dottori della Legge e gli disse: «Maestro, dicendo questo, tu offendi anche noi». [46] Egli rispose: «Guai anche a voi, dottori della Legge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito! [47] Guai a voi, che costruite i sepolcri dei profeti, e i vostri padri li hanno uccisi. [48] Così voi testimoniate e approvate le opere dei vostri padri: essi li uccisero e voi costruite. [49] Per questo la sapienza di Dio ha detto: “Manderò loro profeti e apostoli ed essi li uccideranno e perseguiteranno”, [50] perché a questa generazione sia chiesto conto del sangue di tutti i profeti, versato fin dall’inizio del mondo: [51] dal sangue di Abele fino al sangue di Zaccaria, che fu ucciso tra l’altare e il santuario. Sì, io vi dico, ne sarà chiesto conto a questa generazione. [52] Guai a voi, dottori della Legge, che avete portato via la chiave della conoscenza; voi non siete entrati, e a quelli che volevano entrare voi l’avete impedito». [53] Quando fu uscito di là, gli scribi e i farisei cominciarono a trattarlo in modo ostile e a farlo parlare su molti argomenti, [54] tendendogli insidie, per sorprenderlo in qualche parola uscita dalla sua stessa bocca.

Capitolo 12

Il lievito dei Farisei - [1] Intanto si erano radunate migliaia di persone, al punto che si calpestavano a vicenda, e Gesù cominciò a dire anzitutto ai suoi discepoli: «Guardatevi bene dal lievito dei farisei, che è l’ipocrisia. [2] Non c’è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto. [3] Quindi ciò che avrete detto nelle tenebre sarà udito in piena luce, e ciò che avrete detto all’orecchio nelle stanze più interne sarà annunciato dalle terrazze.
[4] Dico a voi, amici miei: non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo e dopo questo non possono fare più nulla. [5] Vi mostrerò invece di chi dovete aver paura: temete colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geènna. Sì, ve lo dico, temete costui. [6] Cinque passeri non si vendono forse per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio. [7] Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate paura: valete più di molti passeri!
[8] Io vi dico: chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anche il Figlio dell’uomo lo riconoscerà davanti agli angeli di Dio; [9] ma chi mi rinnegherà davanti agli uomini, sarà rinnegato davanti agli angeli di Dio.
[10] Chiunque parlerà contro il Figlio dell’uomo, gli sarà perdonato; ma a chi bestemmierà lo Spirito Santo, non sarà perdonato.
[11] Quando vi porteranno davanti alle sinagoghe, ai magistrati e alle autorità, non preoccupatevi di come o di che cosa discolparvi, o di che cosa dire, [12] perché lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire».
L'avarizia e il ricco stolto - [13] Uno della folla gli disse: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità». [14] Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?». [15] E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede».
[16] Poi disse loro una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. [17] Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? [18] Farò così – disse –: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. [19] Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. [20] Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. [21] Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio».
Fiducia nella Provvidenza - [22] Poi disse ai suoi discepoli: «Per questo io vi dico: non preoccupatevi per la vita, di quello che mangerete; né per il corpo, di quello che indosserete. [23] La vita infatti vale più del cibo e il corpo più del vestito. [24] Guardate i corvi: non séminano e non mietono, non hanno dispensa né granaio, eppure Dio li nutre. Quanto più degli uccelli valete voi! [25] Chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita? [26] Se non potete fare neppure così poco, perché vi preoccupate per il resto? [27] Guardate come crescono i gigli: non faticano e non filano. Eppure io vi dico: neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. [28] Se dunque Dio veste così bene l’erba nel campo, che oggi c’è e domani si getta nel forno, quanto più farà per voi, gente di poca fede. [29] E voi, non state a domandarvi che cosa mangerete e berrete, e non state in ansia: [30] di tutte queste cose vanno in cerca i pagani di questo mondo; ma il Padre vostro sa che ne avete bisogno. [31] Cercate piuttosto il suo regno, e queste cose vi saranno date in aggiunta.
[32] Non temere, piccolo gregge, perché al Padre vostro è piaciuto dare a voi il Regno.
[33] Vendete ciò che possedete e datelo in elemosina; fatevi borse che non invecchiano, un tesoro sicuro nei cieli, dove ladro non arriva e tarlo non consuma. [34] Perché, dov’è il vostro tesoro, là sarà anche il vostro cuore.
La vigilanza - [35] Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese; [36] siate simili a quelli che aspettano il loro padrone quando torna dalle nozze, in modo che, quando arriva e bussa, gli aprano subito. [37] Beati quei servi che il padrone al suo ritorno troverà ancora svegli; in verità io vi dico, si stringerà le vesti ai fianchi, li farà mettere a tavola e passerà a servirli. [38] E se, giungendo nel mezzo della notte o prima dell’alba, li troverà così, beati loro! [39] Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. [40] Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».
[41] Allora Pietro disse: «Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?». [42] Il Signore rispose: «Chi è dunque l’amministratore fidato e prudente, che il padrone metterà a capo della sua servitù per dare la razione di cibo a tempo debito? [43] Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire così. [44] Davvero io vi dico che lo metterà a capo di tutti i suoi averi. [45] Ma se quel servo dicesse in cuor suo: “Il mio padrone tarda a venire” e cominciasse a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi, [46] il padrone di quel servo arriverà un giorno in cui non se l’aspetta e a un’ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano gli infedeli.
[47] Il servo che, conoscendo la volontà del padrone, non avrà disposto o agito secondo la sua volontà, riceverà molte percosse; [48] quello invece che, non conoscendola, avrà fatto cose meritevoli di percosse, ne riceverà poche. A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più.
[49] Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! [50] Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!
[51] Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. [52] D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; [53] si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».
[54] Diceva ancora alle folle: «Quando vedete una nuvola salire da ponente, subito dite: “Arriva la pioggia”, e così accade. [55] E quando soffia lo scirocco, dite: “Farà caldo”, e così accade. [56] Ipocriti! Sapete valutare l’aspetto della terra e del cielo; come mai questo tempo non sapete valutarlo? [57] E perché non giudicate voi stessi ciò che è giusto? [58] Quando vai con il tuo avversario davanti al magistrato, lungo la strada cerca di trovare un accordo con lui, per evitare che ti trascini davanti al giudice e il giudice ti consegni all’esattore dei debiti e costui ti getti in prigione. [59] Io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all’ultimo spicciolo».

Capitolo 13

Necessità della penitenza - [1] In quello stesso tempo si presentarono alcuni a riferirgli il fatto di quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva fatto scorrere insieme a quello dei loro sacrifici. [2] Prendendo la parola, Gesù disse loro: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subìto tale sorte? [3] No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. [4] O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? [5] No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo».
Il fico sterile - [6] Diceva anche questa parabola: «Un tale aveva piantato un albero di fichi nella sua vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. [7] Allora disse al vignaiolo: “Ecco, sono tre anni che vengo a cercare frutti su quest’albero, ma non ne trovo. Taglialo dunque! Perché deve sfruttare il terreno?”. [8] Ma quello gli rispose: “Padrone, lascialo ancora quest’anno, finché gli avrò zappato attorno e avrò messo il concime. [9] Vedremo se porterà frutti per l’avvenire; se no, lo taglierai”».
Guarigione in giorno di sabato - [10] Stava insegnando in una sinagoga in giorno di sabato. [11] C’era là una donna che uno spirito teneva inferma da diciotto anni; era curva e non riusciva in alcun modo a stare diritta. [12] Gesù la vide, la chiamò a sé e le disse: «Donna, sei liberata dalla tua malattia». [13] Impose le mani su di lei e subito quella si raddrizzò e glorificava Dio.
[14] Ma il capo della sinagoga, sdegnato perché Gesù aveva operato quella guarigione di sabato, prese la parola e disse alla folla: «Ci sono sei giorni in cui si deve lavorare; in quelli dunque venite a farvi guarire e non in giorno di sabato». [15] Il Signore gli replicò: «Ipocriti, non è forse vero che, di sabato, ciascuno di voi slega il suo bue o l’asino dalla mangiatoia, per condurlo ad abbeverarsi? [16] E questa figlia di Abramo, che Satana ha tenuto prigioniera per ben diciotto anni, non doveva essere liberata da questo legame nel giorno di sabato?». [17] Quando egli diceva queste cose, tutti i suoi avversari si vergognavano, mentre la folla intera esultava per tutte le meraviglie da lui compiute.
Il granello di senapa e il  lievito - [18] Diceva dunque: «A che cosa è simile il regno di Dio, e a che cosa lo posso paragonare? [19] È simile a un granello di senape, che un uomo prese e gettò nel suo giardino; crebbe, divenne un albero e gli uccelli del cielo vennero a fare il nido fra i suoi rami».
[20] E disse ancora: «A che cosa posso paragonare il regno di Dio? [21] È simile al lievito, che una donna prese e mescolò in tre misure di farina, finché non fu tutta lievitata».
Il numero degli eletti - [22] Passava insegnando per città e villaggi, mentre era in cammino verso Gerusalemme. [23] Un tale gli chiese: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?». Disse loro: [24] «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, io vi dico, cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno. [25] Quando il padrone di casa si alzerà e chiuderà la porta, voi, rimasti fuori, comincerete a bussare alla porta, dicendo: “Signore, aprici!”. Ma egli vi risponderà: “Non so di dove siete”. [26] Allora comincerete a dire: “Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze”. [27] Ma egli vi dichiarerà: “Voi, non so di dove siete. Allontanatevi da me, voi tutti operatori di ingiustizia!”. [28] Là ci sarà pianto e stridore di denti, quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, voi invece cacciati fuori. [29] Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio. [30] Ed ecco, vi sono ultimi che saranno primi, e vi sono primi che saranno ultimi».
Ostilità di Erode - [31] In quel momento si avvicinarono alcuni farisei a dirgli: «Parti e vattene via di qui, perché Erode ti vuole uccidere». [32] Egli rispose loro: «Andate a dire a quella volpe: “Ecco, io scaccio demòni e compio guarigioni oggi e domani; e il terzo giorno la mia opera è compiuta. [33] Però è necessario che oggi, domani e il giorno seguente io prosegua nel cammino, perché non è possibile che un profeta muoia fuori di Gerusalemme”.
[34] Gerusalemme, Gerusalemme, tu che uccidi i profeti e lapidi quelli che sono stati mandati a te: quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli, come una chioccia i suoi pulcini sotto le ali, e voi non avete voluto! [35] Ecco, la vostra casa è abbandonata a voi! Vi dico infatti che non mi vedrete, finché verrà il tempo in cui direte: Benedetto colui che viene nel nome del Signore!».

Capitolo 14

Un idropico guarito di sabato - [1] Un sabato si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo. [2] Ed ecco, davanti a lui vi era un uomo malato di idropisìa. [3] Rivolgendosi ai dottori della Legge e ai farisei, Gesù disse: «È lecito o no guarire di sabato?». [4] Ma essi tacquero. Egli lo prese per mano, lo guarì e lo congedò. [5] Poi disse loro: «Chi di voi, se un figlio o un bue gli cade nel pozzo, non lo tirerà fuori subito in giorno di sabato?». [6] E non potevano rispondere nulla a queste parole.
Lezione di umiltà e di carità - [7] Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: [8] «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, [9] e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: “Cedigli il posto!”. Allora dovrai con vergogna occupare l’ultimo posto. [10] Invece, quando sei invitato, va’ a metterti all’ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: “Amico, vieni più avanti!”. Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. [11] Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».
[12] Disse poi a colui che l’aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio. [13] Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; [14] e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti».
Parabola del convito - [15] Uno dei commensali, avendo udito questo, gli disse: «Beato chi prenderà cibo nel regno di Dio!». [16] Gli rispose: «Un uomo diede una grande cena e fece molti inviti. [17] All’ora della cena, mandò il suo servo a dire agli invitati: “Venite, è pronto”. [18] Ma tutti, uno dopo l’altro, cominciarono a scusarsi. Il primo gli disse: “Ho comprato un campo e devo andare a vederlo; ti prego di scusarmi”. [19] Un altro disse: “Ho comprato cinque paia di buoi e vado a provarli; ti prego di scusarmi”. [20] Un altro disse: “Mi sono appena sposato e perciò non posso venire”. [21] Al suo ritorno il servo riferì tutto questo al suo padrone. Allora il padrone di casa, adirato, disse al servo: “Esci subito per le piazze e per le vie della città e conduci qui i poveri, gli storpi, i ciechi e gli zoppi”. [22] Il servo disse: “Signore, è stato fatto come hai ordinato, ma c’è ancora posto”. [23] Il padrone allora disse al servo: “Esci per le strade e lungo le siepi e costringili ad entrare, perché la mia casa si riempia. [24] Perché io vi dico: nessuno di quelli che erano stati invitati gusterà la mia cena”».
Come seguire Gesù - [25] Una folla numerosa andava con lui. Egli si voltò e disse loro: [26] «Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. [27] Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.
[28] Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? [29] Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, [30] dicendo: “Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro”. [31] Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? [32] Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace. [33] Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo.
[34] Buona cosa è il sale, ma se anche il sale perde il sapore, con che cosa verrà salato? [35] Non serve né per la terra né per il concime e così lo buttano via. Chi ha orecchi per ascoltare, ascolti».

Capitolo 15

La pecorella smarrita - [1] Si avvicinavano a lui tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. [2] I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro». [3] Ed egli disse loro questa parabola:
[4] «Chi di voi, se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va in cerca di quella perduta, finché non la trova? [5] Quando l’ha trovata, pieno di gioia se la carica sulle spalle, [6] va a casa, chiama gli amici e i vicini, e dice loro: “Rallegratevi con me, perché ho trovato la mia pecora, quella che si era perduta”. [7] Io vi dico: così vi sarà gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte, più che per novantanove giusti i quali non hanno bisogno di conversione.
La dramma ritrovata - [8] Oppure, quale donna, se ha dieci monete e ne perde una, non accende la lampada e spazza la casa e cerca accuratamente finché non la trova? [9] E dopo averla trovata, chiama le amiche e le vicine, e dice: “Rallegratevi con me, perché ho trovato la moneta che avevo perduto”. [10] Così, io vi dico, vi è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte».
Il figliuol prodigo - [11] Disse ancora: «Un uomo aveva due figli. [12] Il più giovane dei due disse al padre: “Padre, dammi la parte di patrimonio che mi spetta”. Ed egli divise tra loro le sue sostanze. [13] Pochi giorni dopo, il figlio più giovane, raccolte tutte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò il suo patrimonio vivendo in modo dissoluto. [14] Quando ebbe speso tutto, sopraggiunse in quel paese una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. [15] Allora andò a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei suoi campi a pascolare i porci. [16] Avrebbe voluto saziarsi con le carrube di cui si nutrivano i porci; ma nessuno gli dava nulla. [17] Allora ritornò in sé e disse: “Quanti salariati di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! [18] Mi alzerò, andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; [19] non sono più degno di essere chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi salariati”. [20] Si alzò e tornò da suo padre.
Quando era ancora lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. [21] Il figlio gli disse: “Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio”. [22] Ma il padre disse ai servi: “Presto, portate qui il vestito più bello e fateglielo indossare, mettetegli l’anello al dito e i sandali ai piedi. [23] Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, [24] perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”. E cominciarono a far festa.
[25] Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; [26] chiamò uno dei servi e gli domandò che cosa fosse tutto questo. [27] Quello gli rispose: “Tuo fratello è qui e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo”. [28] Egli si indignò, e non voleva entrare. Suo padre allora uscì a supplicarlo. [29] Ma egli rispose a suo padre: “Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici. [30] Ma ora che è tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso”. [31] Gli rispose il padre: “Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; [32] ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”».

Capitolo 16

Il fattore infedele - [1] Diceva anche ai discepoli: «Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. [2] Lo chiamò e gli disse: “Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare”. [3] L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. [4] So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua”. [5] Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: “Tu quanto devi al mio padrone?”. [6] Quello rispose: “Cento barili d’olio”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. [7] Poi disse a un altro: “Tu quanto devi?”. Rispose: “Cento misure di grano”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta”. [8] Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce. [9] Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne.
[10] Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. [11] Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? [12] E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?
[13] Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza».
Ipocrisia dei Farisei - [14] I farisei, che erano attaccati al denaro, ascoltavano tutte queste cose e si facevano beffe di lui. [15] Egli disse loro: «Voi siete quelli che si ritengono giusti davanti agli uomini, ma Dio conosce i vostri cuori: ciò che fra gli uomini viene esaltato, davanti a Dio è cosa abominevole.
[16] La Legge e i Profeti fino a Giovanni: da allora in poi viene annunciato il regno di Dio e ognuno si sforza di entrarvi.
[17] È più facile che passino il cielo e la terra, anziché cada un solo trattino della Legge.
[18] Chiunque ripudia la propria moglie e ne sposa un’altra, commette adulterio; chi sposa una donna ripudiata dal marito, commette adulterio.
Il ricco Epulone - [19] C’era un uomo ricco, che indossava vestiti di porpora e di lino finissimo, e ogni giorno si dava a lauti banchetti. [20] Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe, [21] bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco; ma erano i cani che venivano a leccare le sue piaghe. [22] Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli accanto ad Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. [23] Stando negli inferi fra i tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo, e Lazzaro accanto a lui. [24] Allora gridando disse: “Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito e a bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma”. [25] Ma Abramo rispose: “Figlio, ricòrdati che, nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora in questo modo lui è consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti. [26] Per di più, tra noi e voi è stato fissato un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi, non possono, né di lì possono giungere fino a noi”. [27] E quello replicò: “Allora, padre, ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, [28] perché ho cinque fratelli. Li ammonisca severamente, perché non vengano anch’essi in questo luogo di tormento”. [29] Ma Abramo rispose: “Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro”. [30] E lui replicò: “No, padre Abramo, ma se dai morti qualcuno andrà da loro, si convertiranno”. [31] Abramo rispose: “Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti”».

Capitolo 17

Lo scandalo - [1] Disse ai suoi discepoli: «È inevitabile che vengano scandali, ma guai a colui a causa del quale vengono. [2] È meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare, piuttosto che scandalizzare uno di questi piccoli. [3] State attenti a voi stessi!
Correzione fraterna - Se il tuo fratello commetterà una colpa, rimproveralo; ma se si pentirà, perdonagli. [4] E se commetterà una colpa sette volte al giorno contro di te e sette volte ritornerà a te dicendo: “Sono pentito”, tu gli perdonerai».
La fede - [5] Gli apostoli dissero al Signore: [6] «Accresci in noi la fede!». Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe.
Il dovere - [7] Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola”? [8] Non gli dirà piuttosto: “Prepara da mangiare, stringiti le vesti ai fianchi e servimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu”? [9] Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? [10] Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”».
I dieci lebbrosi - [11] Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samaria e la Galilea. [12] Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza [13] e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». [14] Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati. [15] Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, [16] e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano. [17] Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? [18] Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». [19] E gli disse: «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!».
Il regno di Dio e il ritorno del Figlio dell'uomo - [20] I farisei gli domandarono: «Quando verrà il regno di Dio?». Egli rispose loro: «Il regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione, [21] e nessuno dirà: “Eccolo qui”, oppure: “Eccolo là”. Perché, ecco, il regno di Dio è in mezzo a voi!».
[22] Disse poi ai discepoli: «Verranno giorni in cui desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell’uomo, ma non lo vedrete. [23] Vi diranno: “Eccolo là”, oppure: “Eccolo qui”; non andateci, non seguiteli. [24] Perché come la folgore, guizzando, brilla da un capo all’altro del cielo, così sarà il Figlio dell’uomo nel suo giorno. [25] Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga rifiutato da questa generazione. [26] Come avvenne nei giorni di Noè, così sarà nei giorni del Figlio dell’uomo: [27] mangiavano, bevevano, prendevano moglie, prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca e venne il diluvio e li fece morire tutti. [28] Come avvenne anche nei giorni di Lot: mangiavano, bevevano, compravano, vendevano, piantavano, costruivano; [29] ma, nel giorno in cui Lot uscì da Sòdoma, piovve fuoco e zolfo dal cielo e li fece morire tutti. [30] Così accadrà nel giorno in cui il Figlio dell’uomo si manifesterà. [31] In quel giorno, chi si troverà sulla terrazza e avrà lasciato le sue cose in casa, non scenda a prenderle; così, chi si troverà nel campo, non torni indietro. [32] Ricordatevi della moglie di Lot. [33] Chi cercherà di salvare la propria vita, la perderà; ma chi la perderà, la manterrà viva. [34] Io vi dico: in quella notte, due si troveranno nello stesso letto: l’uno verrà portato via e l’altro lasciato; [35] due donne staranno a macinare nello stesso luogo: l’una verrà portata via e l’altra lasciata». [[36] ] [37] Allora gli chiesero: «Dove, Signore?». Ed egli disse loro: «Dove sarà il cadavere, lì si raduneranno insieme anche gli avvoltoi».

Capitolo 18

Perseveranza nella peghiera - [1] Diceva loro una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai: [2] «In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. [3] In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: “Fammi giustizia contro il mio avversario”. [4] Per un po’ di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, [5] dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi”». [6] E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. [7] E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? [8] Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?».
Il Fariseo e il pubblicano - [9] Disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri: [10] «Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l’altro pubblicano. [11] Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: “O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. [12] Digiuno due volte alla settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo”. [13] Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: “O Dio, abbi pietà di me peccatore”. [14] Io vi dico: questi, a differenza dell’altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato».
Gesù e i fanciulli - [15] Gli presentavano anche i bambini piccoli perché li toccasse, ma i discepoli, vedendo ciò, li rimproveravano. [16] Allora Gesù li chiamò a sé e disse: «Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite; a chi è come loro, infatti, appartiene il regno di Dio. [17] In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come l’accoglie un bambino, non entrerà in esso».
Il giovane ricco - [18] Un notabile lo interrogò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?». [19] Gesù gli rispose: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. [20] Tu conosci i comandamenti: Non commettere adulterio, non uccidere, non rubare, non testimoniare il falso, onora tuo padre e tua madre». [21] Costui disse: «Tutte queste cose le ho osservate fin dalla giovinezza». [22] Udito ciò, Gesù gli disse: «Una cosa ancora ti manca: vendi tutto quello che hai, distribuiscilo ai poveri e avrai un tesoro nei cieli; e vieni! Seguimi!». [23] Ma quello, udite queste parole, divenne assai triste perché era molto ricco.
[24] Quando Gesù lo vide così triste, disse: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio. [25] È più facile infatti per un cammello passare per la cruna di un ago, che per un ricco entrare nel regno di Dio!». [26] Quelli che ascoltavano dissero: «E chi può essere salvato?». [27] Rispose: «Ciò che è impossibile agli uomini, è possibile a Dio».
[28] Pietro allora disse: «Noi abbiamo lasciato i nostri beni e ti abbiamo seguito». [29] Ed egli rispose: «In verità io vi dico, non c’è nessuno che abbia lasciato casa o moglie o fratelli o genitori o figli per il regno di Dio, [30] che non riceva molto di più nel tempo presente e la vita eterna nel tempo che verrà».
Profezia della passione - [31] Poi prese con sé i Dodici e disse loro: «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme, e si compirà tutto ciò che fu scritto dai profeti riguardo al Figlio dell’uomo: [32] verrà infatti consegnato ai pagani, verrà deriso e insultato, lo copriranno di sputi [33] e, dopo averlo flagellato, lo uccideranno e il terzo giorno risorgerà». [34] Ma quelli non compresero nulla di tutto questo; quel parlare restava oscuro per loro e non capivano ciò che egli aveva detto.
Il cieco di Gerico - [35] Mentre si avvicinava a Gerico, un cieco era seduto lungo la strada a mendicare. [36] Sentendo passare la gente, domandò che cosa accadesse. [37] Gli annunciarono: «Passa Gesù, il Nazareno!». [38] Allora gridò dicendo: «Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me!». [39] Quelli che camminavano avanti lo rimproveravano perché tacesse; ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!». [40] Gesù allora si fermò e ordinò che lo conducessero da lui. Quando fu vicino, gli domandò: [41] «Che cosa vuoi che io faccia per te?». Egli rispose: «Signore, che io veda di nuovo!». [42] E Gesù gli disse: «Abbi di nuovo la vista! La tua fede ti ha salvato». [43] Subito ci vide di nuovo e cominciò a seguirlo glorificando Dio. E tutto il popolo, vedendo, diede lode a Dio.

Capitolo 19

Zaccheo - [1] Entrò nella città di Gerico e la stava attraversando, [2] quand’ecco un uomo, di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco, [3] cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. [4] Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. [5] Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». [6] Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. [7] Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!». [8] Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto». [9] Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. [10] Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».
La parabola delle mine - [11] Mentre essi stavano ad ascoltare queste cose, disse ancora una parabola, perché era vicino a Gerusalemme ed essi pensavano che il regno di Dio dovesse manifestarsi da un momento all’altro. [12] Disse dunque: «Un uomo di nobile famiglia partì per un paese lontano, per ricevere il titolo di re e poi ritornare. [13] Chiamati dieci dei suoi servi, consegnò loro dieci monete d’oro, dicendo: “Fatele fruttare fino al mio ritorno”. [14] Ma i suoi cittadini lo odiavano e mandarono dietro di lui una delegazione a dire: “Non vogliamo che costui venga a regnare su di noi”. [15] Dopo aver ricevuto il titolo di re, egli ritornò e fece chiamare quei servi a cui aveva consegnato il denaro, per sapere quanto ciascuno avesse guadagnato. [16] Si presentò il primo e disse: “Signore, la tua moneta d’oro ne ha fruttate dieci”. [17] Gli disse: “Bene, servo buono! Poiché ti sei mostrato fedele nel poco, ricevi il potere sopra dieci città”. [18] Poi si presentò il secondo e disse: “Signore, la tua moneta d’oro ne ha fruttate cinque”. [19] Anche a questo disse: “Tu pure sarai a capo di cinque città”. [20] Venne poi anche un altro e disse: “Signore, ecco la tua moneta d’oro, che ho tenuto nascosta in un fazzoletto; [21] avevo paura di te, che sei un uomo severo: prendi quello che non hai messo in deposito e mieti quello che non hai seminato”. [22] Gli rispose: “Dalle tue stesse parole ti giudico, servo malvagio! Sapevi che sono un uomo severo, che prendo quello che non ho messo in deposito e mieto quello che non ho seminato: [23] perché allora non hai consegnato il mio denaro a una banca? Al mio ritorno l’avrei riscosso con gli interessi”. [24] Disse poi ai presenti: “Toglietegli la moneta d’oro e datela a colui che ne ha dieci”. [25] Gli risposero: “Signore, ne ha già dieci!”. [26] “Io vi dico: A chi ha, sarà dato; invece a chi non ha, sarà tolto anche quello che ha. [27] E quei miei nemici, che non volevano che io diventassi loro re, conduceteli qui e uccideteli davanti a me”».
Ingresso di Gesù in Gerusalemme - [28] Dette queste cose, Gesù camminava davanti a tutti salendo verso Gerusalemme. [29] Quando fu vicino a Bètfage e a Betània, presso il monte detto degli Ulivi, inviò due discepoli [30] dicendo: «Andate nel villaggio di fronte; entrando, troverete un puledro legato, sul quale non è mai salito nessuno. Slegatelo e conducetelo qui. [31] E se qualcuno vi domanda: “Perché lo slegate?”, risponderete così: “Il Signore ne ha bisogno”». [32] Gli inviati andarono e trovarono come aveva loro detto. [33] Mentre slegavano il puledro, i proprietari dissero loro: «Perché slegate il puledro?». [34] Essi risposero: «Il Signore ne ha bisogno». [35] Lo condussero allora da Gesù; e gettati i loro mantelli sul puledro, vi fecero salire Gesù. [36] Mentre egli avanzava, stendevano i loro mantelli sulla strada.
[37] Era ormai vicino alla discesa del monte degli Ulivi, quando tutta la folla dei discepoli, pieni di gioia, cominciò a lodare Dio a gran voce per tutti i prodigi che avevano veduto, [38] dicendo:
«Benedetto colui che viene,
il re, nel nome del Signore.
Pace in cielo
e gloria nel più alto dei cieli!».
[39] Alcuni farisei tra la folla gli dissero: «Maestro, rimprovera i tuoi discepoli». [40] Ma egli rispose: «Io vi dico che, se questi taceranno, grideranno le pietre».
[41] Quando fu vicino, alla vista della città pianse su di essa [42] dicendo: «Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi. [43] Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte; [44] distruggeranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata».
[45] Ed entrato nel tempio, si mise a scacciare quelli che vendevano, [46] dicendo loro: «Sta scritto:
La mia casa sarà casa di preghiera.
Voi invece ne avete fatto un covo di ladri».
[47] Ogni giorno insegnava nel tempio. I capi dei sacerdoti e gli scribi cercavano di farlo morire e così anche i capi del popolo; [48] ma non sapevano che cosa fare, perché tutto il popolo pendeva dalle sue labbra nell’ascoltarlo.

Capitolo 20

Questione del Battista - [1] Un giorno, mentre istruiva il popolo nel tempio e annunciava il Vangelo, sopraggiunsero i capi dei sacerdoti e gli scribi con gli anziani [2] e si rivolsero a lui dicendo: «Spiegaci con quale autorità fai queste cose o chi è che ti ha dato questa autorità». [3] E Gesù rispose loro: «Anch’io vi farò una domanda. Ditemi: [4] il battesimo di Giovanni veniva dal cielo o dagli uomini?». [5] Allora essi ragionavano fra loro dicendo: «Se diciamo: “Dal cielo”, risponderà: “Perché non gli avete creduto?”. [6] Se invece diciamo: “Dagli uomini”, tutto il popolo ci lapiderà, perché è convinto che Giovanni sia un profeta». [7] Risposero quindi di non saperlo. [8] E Gesù disse loro: «Neanch’io vi dico con quale autorità faccio queste cose».
I vignaiuoli perfidi - [9] Poi prese a dire al popolo questa parabola: «Un uomo piantò una vigna, la diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano per molto tempo. [10] Al momento opportuno, mandò un servo dai contadini perché gli dessero la sua parte del raccolto della vigna. Ma i contadini lo bastonarono e lo mandarono via a mani vuote. [11] Mandò un altro servo, ma essi bastonarono anche questo, lo insultarono e lo mandarono via a mani vuote. [12] Ne mandò ancora un terzo, ma anche questo lo ferirono e lo cacciarono via. [13] Disse allora il padrone della vigna: “Che cosa devo fare? Manderò mio figlio, l’amato, forse avranno rispetto per lui!”. [14] Ma i contadini, appena lo videro, fecero tra loro questo ragionamento: “Costui è l’erede. Uccidiamolo e così l’eredità sarà nostra!”. [15] Lo cacciarono fuori della vigna e lo uccisero. Che cosa farà dunque a costoro il padrone della vigna? [16] Verrà, farà morire quei contadini e darà la vigna ad altri».
Udito questo, dissero: «Non sia mai!». [17] Allora egli fissò lo sguardo su di loro e disse: «Che cosa significa dunque questa parola della Scrittura:
La pietra che i costruttori hanno scartato
è diventata la pietra d’angolo?
[18] Chiunque cadrà su quella pietra si sfracellerà e colui sul quale essa cadrà verrà stritolato».
Il tributo a Cesare - [19] In quel momento gli scribi e i capi dei sacerdoti cercarono di mettergli le mani addosso, ma ebbero paura del popolo. Avevano capito infatti che quella parabola l’aveva detta per loro.
[20] Si misero a spiarlo e mandarono informatori, che si fingessero persone giuste, per coglierlo in fallo nel parlare e poi consegnarlo all’autorità e al potere del governatore. [21] Costoro lo interrogarono: «Maestro, sappiamo che parli e insegni con rettitudine e non guardi in faccia a nessuno, ma insegni qual è la via di Dio secondo verità. [22] È lecito, o no, che noi paghiamo la tassa a Cesare?». [23] Rendendosi conto della loro malizia, disse: [24] «Mostratemi un denaro: di chi porta l’immagine e l’iscrizione?». Risposero: «Di Cesare». [25] Ed egli disse: «Rendete dunque quello che è di Cesare a Cesare e quello che è di Dio a Dio». [26] Così non riuscirono a coglierlo in fallo nelle sue parole di fronte al popolo e, meravigliati della sua risposta, tacquero.
I Sadducei e la risurrezione - [27] Gli si avvicinarono alcuni sadducei – i quali dicono che non c’è risurrezione – e gli posero questa domanda: [28] «Maestro, Mosè ci ha prescritto: Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello. [29] C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. [30] Allora la prese il secondo [31] e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. [32] Da ultimo morì anche la donna. [33] La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie». [34] Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; [35] ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: [36] infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio. [37] Che poi i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe. [38] Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui».
[39] Dissero allora alcuni scribi: «Maestro, hai parlato bene». [40] E non osavano più rivolgergli alcuna domanda.
Il Cristo figlio di Davide - [41] Allora egli disse loro: «Come mai si dice che il Cristo è figlio di Davide, [42] se Davide stesso nel libro dei Salmi dice:
Disse il Signore al mio Signore:
Siedi alla mia destra
[43] finché io ponga i tuoi nemici
come sgabello dei tuoi piedi?
[44] Davide dunque lo chiama Signore; perciò, come può essere suo figlio?».
Ipocrisia degli Scribi - [45] Mentre tutto il popolo ascoltava, disse ai suoi discepoli: [46] «Guardatevi dagli scribi, che vogliono passeggiare in lunghe vesti e si compiacciono di essere salutati nelle piazze, di avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti; [47] divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna più severa».

Capitolo 21

L'obolo della vedova - [1] Alzàti gli occhi, vide i ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio. [2] Vide anche una vedova povera, che vi gettava due monetine, [3] e disse: «In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti. [4] Tutti costoro, infatti, hanno gettato come offerta parte del loro superfluo. Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere».
Predizione della rovina del Tempio di Gerusalemme - [5] Mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, disse: [6] «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta».
[7] Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». [8] Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! [9] Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine».
[10] Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, [11] e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo.
[12] Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. [13] Avrete allora occasione di dare testimonianza. [14] Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; [15] io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere. [16] Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; [17] sarete odiati da tutti a causa del mio nome. [18] Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto. [19] Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita.
La fine di Gerusalemme - [20] Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. [21] Allora coloro che si trovano nella Giudea fuggano verso i monti, coloro che sono dentro la città se ne allontanino, e quelli che stanno in campagna non tornino in città; [22] quelli infatti saranno giorni di vendetta, affinché tutto ciò che è stato scritto si compia. [23] In quei giorni guai alle donne che sono incinte e a quelle che allattano, perché vi sarà grande calamità nel paese e ira contro questo popolo. [24] Cadranno a fil di spada e saranno condotti prigionieri in tutte le nazioni; Gerusalemme sarà calpestata dai pagani finché i tempi dei pagani non siano compiuti.
Segni del ritorno di Cristo giudice - [25] Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, [26] mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte. [27] Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. [28] Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina».
Come attendere la venuta di Cristo - [29] E disse loro una parabola: «Osservate la pianta di fico e tutti gli alberi: [30] quando già germogliano, capite voi stessi, guardandoli, che ormai l’estate è vicina. [31] Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino. [32] In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto avvenga. [33] Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.
[34] State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; [35] come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. [36] Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».
[37] Durante il giorno insegnava nel tempio; la notte, usciva e pernottava all’aperto sul monte detto degli Ulivi. [38] E tutto il popolo di buon mattino andava da lui nel tempio per ascoltarlo.

Passione, Morte, Gloria

Capitolo 22

Cospirazione del Sinedrio e patto di Giuda - [1] Si avvicinava la festa degli Azzimi, chiamata Pasqua, [2] e i capi dei sacerdoti e gli scribi cercavano in che modo toglierlo di mezzo, ma temevano il popolo. [3] Allora Satana entrò in Giuda, detto Iscariota, che era uno dei Dodici. [4] Ed egli andò a trattare con i capi dei sacerdoti e i capi delle guardie sul modo di consegnarlo a loro. [5] Essi si rallegrarono e concordarono di dargli del denaro. [6] Egli fu d’accordo e cercava l’occasione propizia per consegnarlo a loro, di nascosto dalla folla.
Preprazione dell'Ultima Cena - [7] Venne il giorno degli Azzimi, nel quale si doveva immolare la Pasqua. [8] Gesù mandò Pietro e Giovanni dicendo: «Andate a preparare per noi, perché possiamo mangiare la Pasqua». [9] Gli chiesero: «Dove vuoi che prepariamo?». [10] Ed egli rispose loro: «Appena entrati in città, vi verrà incontro un uomo che porta una brocca d’acqua; seguitelo nella casa in cui entrerà. [11] Direte al padrone di casa: “Il Maestro ti dice: Dov’è la stanza in cui posso mangiare la Pasqua con i miei discepoli?”. [12] Egli vi mostrerà al piano superiore una sala, grande e arredata; lì preparate». [13] Essi andarono e trovarono come aveva detto loro e prepararono la Pasqua.
Istituzione della SS. Eucaristia - [14] Quando venne l’ora, prese posto a tavola e gli apostoli con lui, [15] e disse loro: «Ho tanto desiderato mangiare questa Pasqua con voi, prima della mia passione, [16] perché io vi dico: non la mangerò più, finché essa non si compia nel regno di Dio». [17] E, ricevuto un calice, rese grazie e disse: «Prendetelo e fatelo passare tra voi, [18] perché io vi dico: da questo momento non berrò più del frutto della vite, finché non verrà il regno di Dio». [19] Poi prese il pane, rese grazie, lo spezzò e lo diede loro dicendo: «Questo è il mio corpo, che è dato per voi; fate questo in memoria di me». [20] E, dopo aver cenato, fece lo stesso con il calice dicendo: «Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue, che è versato per voi».
Il traditore svelato - [21] «Ma ecco, la mano di colui che mi tradisce è con me, sulla tavola. [22] Il Figlio dell’uomo se ne va, secondo quanto è stabilito, ma guai a quell’uomo dal quale egli viene tradito!». [23] Allora essi cominciarono a domandarsi l’un l’altro chi di loro avrebbe fatto questo.
Lezione di umiltà - [24] E nacque tra loro anche una discussione: chi di loro fosse da considerare più grande. [25] Egli disse: «I re delle nazioni le governano, e coloro che hanno potere su di esse sono chiamati benefattori. [26] Voi però non fate così; ma chi tra voi è più grande diventi come il più giovane, e chi governa come colui che serve. [27] Infatti chi è più grande, chi sta a tavola o chi serve? Non è forse colui che sta a tavola? Eppure io sto in mezzo a voi come colui che serve.
[28] Voi siete quelli che avete perseverato con me nelle mie prove [29] e io preparo per voi un regno, come il Padre mio l’ha preparato per me, [30] perché mangiate e beviate alla mia mensa nel mio regno. E siederete in trono a giudicare le dodici tribù d’Israele.
[31] Simone, Simone, ecco: Satana vi ha cercati per vagliarvi come il grano; [32] ma io ho pregato per te, perché la tua fede non venga meno. E tu, una volta convertito, conferma i tuoi fratelli». [33] E Pietro gli disse: «Signore, con te sono pronto ad andare anche in prigione e alla morte». [34] Gli rispose: «Pietro, io ti dico: oggi il gallo non canterà prima che tu, per tre volte, abbia negato di conoscermi».
[35] Poi disse loro: «Quando vi ho mandato senza borsa, né sacca, né sandali, vi è forse mancato qualcosa?». Risposero: «Nulla». [36] Ed egli soggiunse: «Ma ora, chi ha una borsa la prenda, e così chi ha una sacca; chi non ha spada, venda il mantello e ne compri una. [37] Perché io vi dico: deve compiersi in me questa parola della Scrittura: E fu annoverato tra gli empi. Infatti tutto quello che mi riguarda volge al suo compimento». [38] Ed essi dissero: «Signore, ecco qui due spade». Ma egli disse: «Basta!».
Il Getsemani - [39] Uscì e andò, come al solito, al monte degli Ulivi; anche i discepoli lo seguirono. [40] Giunto sul luogo, disse loro: «Pregate, per non entrare in tentazione». [41] Poi si allontanò da loro circa un tiro di sasso, cadde in ginocchio e pregava dicendo: [42] «Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà». [43] Gli apparve allora un angelo dal cielo per confortarlo. [44] Entrato nella lotta, pregava più intensamente, e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadono a terra. [45] Poi, rialzatosi dalla preghiera, andò dai discepoli e li trovò che dormivano per la tristezza. [46] E disse loro: «Perché dormite? Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione».
Tradimento di Giuda e cattura di Gesù - [47] Mentre ancora egli parlava, ecco giungere una folla; colui che si chiamava Giuda, uno dei Dodici, li precedeva e si avvicinò a Gesù per baciarlo. [48] Gesù gli disse: «Giuda, con un bacio tu tradisci il Figlio dell’uomo?». [49] Allora quelli che erano con lui, vedendo ciò che stava per accadere, dissero: «Signore, dobbiamo colpire con la spada?». [50] E uno di loro colpì il servo del sommo sacerdote e gli staccò l’orecchio destro. [51] Ma Gesù intervenne dicendo: «Lasciate! Basta così!». E, toccandogli l’orecchio, lo guarì.
[52] Poi Gesù disse a coloro che erano venuti contro di lui, capi dei sacerdoti, capi delle guardie del tempio e anziani: «Come se fossi un ladro siete venuti con spade e bastoni. [53] Ogni giorno ero con voi nel tempio e non avete mai messo le mani su di me; ma questa è l’ora vostra e il potere delle tenebre».Gesù davanti a Caifa.
Rinnegamento di Pietro - [54] Dopo averlo catturato, lo condussero via e lo fecero entrare nella casa del sommo sacerdote. Pietro lo seguiva da lontano. [55] Avevano acceso un fuoco in mezzo al cortile e si erano seduti attorno; anche Pietro sedette in mezzo a loro. [56] Una giovane serva lo vide seduto vicino al fuoco e, guardandolo attentamente, disse: «Anche questi era con lui». [57] Ma egli negò dicendo: «O donna, non lo conosco!». [58] Poco dopo un altro lo vide e disse: «Anche tu sei uno di loro!». Ma Pietro rispose: «O uomo, non lo sono!». [59] Passata circa un’ora, un altro insisteva: «In verità, anche questi era con lui; infatti è Galileo». [60] Ma Pietro disse: «O uomo, non so quello che dici». E in quell’istante, mentre ancora parlava, un gallo cantò. [61] Allora il Signore si voltò e fissò lo sguardo su Pietro, e Pietro si ricordò della parola che il Signore gli aveva detto: «Prima che il gallo canti, oggi mi rinnegherai tre volte». [62] E, uscito fuori, pianse amaramente.
Gesù deriso - [63] E intanto gli uomini che avevano in custodia Gesù lo deridevano e lo picchiavano, [64] gli bendavano gli occhi e gli dicevano: «Fa’ il profeta! Chi è che ti ha colpito?». [65] E molte altre cose dicevano contro di lui, insultandolo.
Gesù davanti al Sinedrio - [66] Appena fu giorno, si riunì il consiglio degli anziani del popolo, con i capi dei sacerdoti e gli scribi; lo condussero davanti al loro sinedrio [67] e gli dissero: «Se tu sei il Cristo, dillo a noi». Rispose loro: «Anche se ve lo dico, non mi crederete; [68] se vi interrogo, non mi risponderete. [69] Ma d’ora in poi il Figlio dell’uomo siederà alla destra della potenza di Dio». [70] Allora tutti dissero: «Tu dunque sei il Figlio di Dio?». Ed egli rispose loro: «Voi stessi dite che io lo sono». [71] E quelli dissero: «Che bisogno abbiamo ancora di testimonianza? L’abbiamo udito noi stessi dalla sua bocca».

Capitolo 23

Gesù davanti a Pilato - [1] Tutta l’assemblea si alzò; lo condussero da Pilato [2] e cominciarono ad accusarlo: «Abbiamo trovato costui che metteva in agitazione il nostro popolo, impediva di pagare tributi a Cesare e affermava di essere Cristo re». [3] Pilato allora lo interrogò: «Sei tu il re dei Giudei?». Ed egli rispose: «Tu lo dici». [4] Pilato disse ai capi dei sacerdoti e alla folla: «Non trovo in quest’uomo alcun motivo di condanna». [5] Ma essi insistevano dicendo: «Costui solleva il popolo, insegnando per tutta la Giudea, dopo aver cominciato dalla Galilea, fino a qui».
[6] Udito ciò, Pilato domandò se quell’uomo era Galileo [7] e, saputo che stava sotto l’autorità di Erode, lo rinviò a Erode, che in quei giorni si trovava anch’egli a Gerusalemme.
[8] Vedendo Gesù, Erode si rallegrò molto. Da molto tempo infatti desiderava vederlo, per averne sentito parlare, e sperava di vedere qualche miracolo fatto da lui. [9] Lo interrogò, facendogli molte domande, ma egli non gli rispose nulla. [10] Erano presenti anche i capi dei sacerdoti e gli scribi, e insistevano nell’accusarlo. [11] Allora anche Erode, con i suoi soldati, lo insultò, si fece beffe di lui, gli mise addosso una splendida veste e lo rimandò a Pilato. [12] In quel giorno Erode e Pilato diventarono amici tra loro; prima infatti tra loro vi era stata inimicizia.
[13] Pilato, riuniti i capi dei sacerdoti, le autorità e il popolo, [14] disse loro: «Mi avete portato quest’uomo come agitatore del popolo. Ecco, io l’ho esaminato davanti a voi, ma non ho trovato in quest’uomo nessuna delle colpe di cui lo accusate; [15] e neanche Erode: infatti ce l’ha rimandato. Ecco, egli non ha fatto nulla che meriti la morte. [16] Perciò, dopo averlo punito, lo rimetterò in libertà». [[17] ] [18] Ma essi si misero a gridare tutti insieme: «Togli di mezzo costui! Rimettici in libertà Barabba!». [19] Questi era stato messo in prigione per una rivolta, scoppiata in città, e per omicidio.
[20] Pilato parlò loro di nuovo, perché voleva rimettere in libertà Gesù. [21] Ma essi urlavano: «Crocifiggilo! Crocifiggilo!». [22] Ed egli, per la terza volta, disse loro: «Ma che male ha fatto costui? Non ho trovato in lui nulla che meriti la morte. Dunque, lo punirò e lo rimetterò in libertà». [23] Essi però insistevano a gran voce, chiedendo che venisse crocifisso, e le loro grida crescevano. [24] Pilato allora decise che la loro richiesta venisse eseguita. [25] Rimise in libertà colui che era stato messo in prigione per rivolta e omicidio, e che essi richiedevano, e consegnò Gesù al loro volere.
La via dolorosa - [26] Mentre lo conducevano via, fermarono un certo Simone di Cirene, che tornava dai campi, e gli misero addosso la croce, da portare dietro a Gesù.
[27] Lo seguiva una grande moltitudine di popolo e di donne, che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. [28] Ma Gesù, voltandosi verso di loro, disse: «Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli. [29] Ecco, verranno giorni nei quali si dirà: “Beate le sterili, i grembi che non hanno generato e i seni che non hanno allattato”. [30] Allora cominceranno a dire ai monti: “Cadete su di noi!”, e alle colline: “Copriteci!”. [31] Perché, se si tratta così il legno verde, che avverrà del legno secco?». [32] Insieme con lui venivano condotti a morte anche altri due, che erano malfattori.
Gesù Crocifisso - [33] Quando giunsero sul luogo chiamato Cranio, vi crocifissero lui e i malfattori, uno a destra e l’altro a sinistra. [34] Gesù diceva: «Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno». Poi dividendo le sue vesti, le tirarono a sorte.
[35] Il popolo stava a vedere; i capi invece lo deridevano dicendo: «Ha salvato altri! Salvi se stesso, se è lui il Cristo di Dio, l’eletto». [36] Anche i soldati lo deridevano, gli si accostavano per porgergli dell’aceto [37] e dicevano: «Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso». [38] Sopra di lui c’era anche una scritta: «Costui è il re dei Giudei».
[39] Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!». [40] L’altro invece lo rimproverava dicendo: «Non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? [41] Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male». [42] E disse: «Gesù, ricòrdati di me quando entrerai nel tuo regno». [43] Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso».
[44] Era già verso mezzogiorno e si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio, [45] perché il sole si era eclissato. Il velo del tempio si squarciò a metà. [46] Gesù, gridando a gran voce, disse: «Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito». Detto questo, spirò.
[47] Visto ciò che era accaduto, il centurione dava gloria a Dio dicendo: «Veramente quest’uomo era giusto». [48] Così pure tutta la folla che era venuta a vedere questo spettacolo, ripensando a quanto era accaduto, se ne tornava battendosi il petto. [49] Tutti i suoi conoscenti, e le donne che lo avevano seguito fin dalla Galilea, stavano da lontano a guardare tutto questo.
Sepoltura di Gesù - [50] Ed ecco, vi era un uomo di nome Giuseppe, membro del sinedrio, buono e giusto. [51] Egli non aveva aderito alla decisione e all’operato degli altri. Era di Arimatea, una città della Giudea, e aspettava il regno di Dio. [52] Egli si presentò a Pilato e chiese il corpo di Gesù. [53] Lo depose dalla croce, lo avvolse con un lenzuolo e lo mise in un sepolcro scavato nella roccia, nel quale nessuno era stato ancora sepolto. [54] Era il giorno della Parasceve e già splendevano le luci del sabato. [55] Le donne che erano venute con Gesù dalla Galilea seguivano Giuseppe; esse osservarono il sepolcro e come era stato posto il corpo di Gesù, [56] poi tornarono indietro e prepararono aromi e oli profumati. Il giorno di sabato osservarono il riposo come era prescritto.

Capitolo 24

Risurrrezione di Gesù - [1] Il primo giorno della settimana, al mattino presto esse si recarono al sepolcro, portando con sé gli aromi che avevano preparato. [2] Trovarono che la pietra era stata rimossa dal sepolcro [3] e, entrate, non trovarono il corpo del Signore Gesù. [4] Mentre si domandavano che senso avesse tutto questo, ecco due uomini presentarsi a loro in abito sfolgorante. [5] Le donne, impaurite, tenevano il volto chinato a terra, ma quelli dissero loro: «Perché cercate tra i morti colui che è vivo? [6] Non è qui, è risorto. Ricordatevi come vi parlò quando era ancora in Galilea [7] e diceva: “Bisogna che il Figlio dell’uomo sia consegnato in mano ai peccatori, sia crocifisso e risorga il terzo giorno”». [8] Ed esse si ricordarono delle sue parole [9] e, tornate dal sepolcro, annunciarono tutto questo agli Undici e a tutti gli altri. [10] Erano Maria Maddalena, Giovanna e Maria madre di Giacomo. Anche le altre, che erano con loro, raccontavano queste cose agli apostoli. [11] Quelle parole parvero a loro come un vaneggiamento e non credevano ad esse. [12] Pietro tuttavia si alzò, corse al sepolcro e, chinatosi, vide soltanto i teli. E tornò indietro, pieno di stupore per l’accaduto.
I discepoli di Emmaus - [13] Ed ecco, in quello stesso giorno due di loro erano in cammino per un villaggio di nome Èmmaus, distante circa undici chilometri da Gerusalemme, [14] e conversavano tra loro di tutto quello che era accaduto. [15] Mentre conversavano e discutevano insieme, Gesù in persona si avvicinò e camminava con loro. [16] Ma i loro occhi erano impediti a riconoscerlo. [17] Ed egli disse loro: «Che cosa sono questi discorsi che state facendo tra voi lungo il cammino?». Si fermarono, col volto triste; [18] uno di loro, di nome Clèopa, gli rispose: «Solo tu sei forestiero a Gerusalemme! Non sai ciò che vi è accaduto in questi giorni?». [19] Domandò loro: «Che cosa?». Gli risposero: «Ciò che riguarda Gesù, il Nazareno, che fu profeta potente in opere e in parole, davanti a Dio e a tutto il popolo; [20] come i capi dei sacerdoti e le nostre autorità lo hanno consegnato per farlo condannare a morte e lo hanno crocifisso. [21] Noi speravamo che egli fosse colui che avrebbe liberato Israele; con tutto ciò, sono passati tre giorni da quando queste cose sono accadute. [22] Ma alcune donne, delle nostre, ci hanno sconvolti; si sono recate al mattino alla tomba [23] e, non avendo trovato il suo corpo, sono venute a dirci di aver avuto anche una visione di angeli, i quali affermano che egli è vivo. [24] Alcuni dei nostri sono andati alla tomba e hanno trovato come avevano detto le donne, ma lui non l’hanno visto». [25] Disse loro: «Stolti e lenti di cuore a credere in tutto ciò che hanno detto i profeti! [26] Non bisognava che il Cristo patisse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?». [27] E, cominciando da Mosè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui.
[28] Quando furono vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. [29] Ma essi insistettero: «Resta con noi, perché si fa sera e il giorno è ormai al tramonto». Egli entrò per rimanere con loro. [30] Quando fu a tavola con loro, prese il pane, recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. [31] Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma egli sparì dalla loro vista. [32] Ed essi dissero l’un l’altro: «Non ardeva forse in noi il nostro cuore mentre egli conversava con noi lungo la via, quando ci spiegava le Scritture?». [33] Partirono senza indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, [34] i quali dicevano: «Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone!». [35] Ed essi narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane.
Gesù appare agli Apostoli - [36] Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». [37] Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. [38] Ma egli disse loro: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? [39] Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho». [40] Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. [41] Ma poiché per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?». [42] Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; [43] egli lo prese e lo mangiò davanti a loro.
[44] Poi disse: «Sono queste le parole che io vi dissi quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi». [45] Allora aprì loro la mente per comprendere le Scritture [46] e disse loro: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, [47] e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. [48] Di questo voi siete testimoni. [49] Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto».
L'ascensione - [50] Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. [51] Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. [52] Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia [53] e stavano sempre nel tempio lodando Dio.