+
Proverbi dal mondo:

Una proposta per ..."vivere"... la Parola!

Alcuni si lamentano della loro poca fede o perfino della mancanza di fede.
Qualora ti veda in questa situazione parlane con Dio. Sarà la tua preghiera più bella. In questo sospiro dell'anima assetata sorgerà la fonte che estinguerà ogni sete, l'alimento che sazierà totalmente la fame.
Sentire la necessità della fede è il primo atteggiamento del cuore ansioso di credere in qualcosa.

Segnala nei social networks...


Meditazione di domani

 

Martedì – 2.a Tempo Ordinario

 

Vangelo - Mc 2,23-28

 

Il sabato è per l'uomo, non l’ uomo per il sabato.

Proprio non mi riconoscete? Eppure sentite quello che dico e vedete quello che faccio. Eppure non potete non vedere i segni... Gesù sa che con i farisei è dura, ma non per questo rinuncia a spiegarsi, stando al loro gioco. Il guaio è che i farisei hanno non una verità da scoprire, ma una tesi da dimostrare costi quel che costi. A loro non interessa comprendere chi sia Gesù e perché faccia e dica quel che fa e dice. A loro interessa soltanto indurlo in contraddizione. ln lui vedono non una risorsa, l'immensa risorsa di chi può far compiere all’umanità il decisivo salto di qualità, rivelando all'uomo se stesso. ln lui vedono soltanto una minaccia. In lui non vedono il Figlio di Dio; forse qualcuno vede però un’intelligenza nettamente superiore; quindi una minaccia doppia per la loro palese mediocrità. Scaltri ma ottusi, non possono sopportare chi manifesta carisma evidente. Così ci riprovano con la storia del sabato. L’offensiva è maldestra. Gesù ricorda loro quello che dovrebbero sapere perfettamente: la Scrittura. Non si ricordano di Davide? Ma poi li spiazza, perché se si fermasse alla Scrittura in fondo si porrebbe sul loro stesso piano rigidamente formale. Gesù non rinuncia a lanciare l’ennesimo messaggio: guardate, il Figlio di Dio è tra voi, i giorni del Messia sono compiuti. E viene a ricordarvi ciò che già Davide avrebbe dovuto farvi intuire: tutte le norme sono per gli uomini, e Dio è padrone di entrambi. Se c'è una buona ragione, il sabato (la norma) diventa secondaria ai bisogni veri, autentici dell’uomo. E io, il Figlio di Dio tra voi, sono una ragione ottima. Ma non ci sono segni che tengano, per chi è prigioniero dei propri schemi mentali, dei tanti “sabati” di cui si circonda. E non c'è vangelo che tenga per chi riduce Gesù Cristo a una serie di norme da applicare. A chi lo costringe alla stregua d'una qualsiasi ideologia. Rendendolo banale. Il fariseismo è una categoria dell’anima in agguato, un virus che seduce. Ieri come oggi. Con esiti clamorosi. Un diligente “fariseo” contemporaneo riuscirebbe a convincerci che Gesù non è abbastanza cristiano...

 

#####
SEZIONI DEL SITO:




SEMPRE NEL SITO: