28 Aprile 2016


Anche oggi nella Chiesa ci sono resistenze allo Spirito, ma Lui le vince!

Anche oggi nella Chiesa, come ieri, ci sono le resistenze alle sorprese dello Spirito di fronte alle nuove situazioni, ma Lui ci aiuta a vincerle e ad andare avanti, sicuri, sulla strada di Gesù: è quanto ha detto il Papa nella Messa del mattino a Casa Santa Marta.

Commentando il celebre brano degli Atti degli Apostoli sul cosiddetto “Concilio” di Gerusalemme, il Papa osserva che “il protagonista della Chiesa” è lo Spirito Santo. “E’ Lui che dal primo momento ha dato la forza agli apostoli di proclamare il Vangelo”, è “lo Spirito che fa tutto, lo Spirito che porta la Chiesa avanti”, anche “con i suoi problemi”, anche “quando scoppia la persecuzione” è Lui “che dà la forza ai credenti per rimanere nella fede”, anche nei momenti “di resistenze e di accanimento dei dottori della legge”. In questo caso, c’è una duplice resistenza all’azione dello Spirito: quella di chi credeva che “Gesù fosse venuto soltanto per il popolo eletto” e quella di chi voleva imporre la legge mosaica, compresa la circoncisione, ai pagani convertiti. Il Papa nota che allora “ci fu una grande confusione in tutto questo”:
“Lo Spirito metteva i cuori su una strada nuova: erano le sorprese dello Spirito. E gli apostoli si sono trovati in situazioni che mai avrebbero creduto, situazioni nuove. E come gestire queste nuove situazioni? Per questo il brano di oggi, il passo di oggi, incomincia così: ‘In quei giorni, poiché era sorta una grande discussione’, una calorosa discussione, perché discutevano su questo argomento. Loro, da una parte, avevano la forza dello Spirito – il protagonista – che spingeva ad andare avanti, avanti, avanti… Ma lo Spirito li portava a certe novità, certe cose che mai erano state fatte. Mai. Neppure le avevano immaginate. Che i pagani ricevessero lo Spirito Santo, per esempio”.

I discepoli “avevano la patata bollente nelle mani e non sapevano che fare”. Così, convocano una riunione a Gerusalemme dove ognuno può raccontare la propria esperienza, di come lo Spirito Santo scenda anche sui pagani:
“E alla fine si sono messi d’accordo. Ma prima c’è una cosa bella: ‘Tutta l’assemblea tacque e stettero ad ascoltare Barnaba e Paolo, che riferivano quali grandi segni e prodigi Dio aveva compiuto tra le nazioni, in mezzo a loro’. Ascoltare, non avere paura di ascoltare. Quando uno ha paura di ascoltare, non ha lo Spirito nel suo cuore. Ascoltare: ‘Tu che pensi e perché?’. Ascoltare con umiltà. E dopo avere ascoltato, hanno deciso di inviare alle comunità greche, cioè ai cristiani che sono venuti dal paganesimo, inviare alcuni discepoli per tranquillizzarli e dirgli: ‘Sta bene, andate così’”.

I pagani convertiti non sono obbligati alla circoncisione. E' una decisione comunicata attraverso una lettera in cui “il protagonista è lo Spirito Santo”. Infatti, i discepoli affermano: “Lo Spirito Santo e noi abbiamo deciso…”. Questa – afferma il Papa - è la strada della Chiesa “davanti alle novità, non le novità mondane, come sono le mode dei vestiti”, ma “le novità, le sorprese dello Spirito, perché lo Spirito sempre ci sorprende. E come risolve la Chiesa questo? Come affronta questi problemi, per risolverli? Con la riunione, l’ascolto, la discussione, la preghiera e la decisione finale”:
“Questa è la strada della Chiesa fino ad oggi. E quando lo Spirito ci sorprende con qualcosa che sembra nuova o che ‘mai si è fatto così’, ‘si deve fare così’, pensate al Vaticano II, alle resistenze che ha avuto il Concilio Vaticano II, e dico questo perché è il più vicino a noi. Quante resistenze: ‘Ma no…’. Anche oggi resistenze che continuano in una forma o in un’altra, e lo Spirito che va avanti. E la strada della Chiesa è questa: riunirsi, unirsi insieme, ascoltarsi, discutere, pregare e decidere. E questa è la cosiddetta sinodalità della Chiesa, nella quale si esprime la comunione della Chiesa. E chi fa la comunione? E’ lo Spirito! Un’altra volta il protagonista. Cosa ci chiede il Signore? Docilità allo Spirito. Cosa ci chiede il Signore? Non avere paura, quando vediamo che è lo Spirito che ci chiama”.

“Lo Spirito - rileva il Papa - delle volte ci ferma”, come ha fatto con San Paolo, per farci andare da un’altra parte, “non ci lascia soli”, “ci dà il coraggio, ci dà la pazienza, ci fa andare sicuri sulla strada di Gesù, ci aiuta a vincere le resistenze e ad essere forti nel martirio”. “Chiediamo al Signore - ha concluso - la grazia di capire come va avanti la Chiesa, di capire come dal primo momento ha affrontato le sorprese dello Spirito e, anche, per ognuno di noi la grazia della docilità allo Spirito, per andare sulla strada che il Signore Gesù vuole per ognuno di noi e per tutta la Chiesa”.


Comments 3

3. rita , Friday, April 29, 2016, 08:07:

attenzione a non confondere le nostre opinioni con la voce dello Spirito

2. Ivi , Friday, April 29, 2016, 07:33:

L'ascolto presuppone lo "spazio" necessario. Non è solo una questione di "tempo". È piuttosto lasciare che il vuoto che ognuno di noi sente non venga riempito dal nostro "io" dilatato fino a diventare egoisticamente il ns.tutto. Allora davvero lo Spirito non può più entrare. Troppo caos riempito di tutti gli "auto......(celebrazione, esaltazione, elezione etc.) Non c'è più spazio neppure per le altre persone. L'Io è il mio tutto... la mia sicurezza, la mia inattaccabile fortezza. Dentro non c'è spazio x la novità perché il mio cervello è come un ovaio imprigionato. Evitare la contaminazione esterna vuol dire mai concepire. Vuol dire essere già solo sepolcro. Sempre più ben imbiancato... ma dove lo Spirito che è "Altro" non trova casa. E non può operare il suo Miracolo che è Vita - Amore - Novità. Aprirsi è dimostrare che la fede è la roccia su cui abbiamo costruito la casa e da cui neppure un tornado potrà staccarci perché è originata in Dio. Grazie Santo Padre per la comunicazione di fede che mostra come lo Spirito soffia sempre nonostante tutte le difficoltà.

1. Marziana , Friday, April 29, 2016, 07:04:

Mi sorge spontanea questa preghiera: "O Signore, quanto è bello ascoltarti ogni giorno e imparare da te come vivere da 'discepolo' anche se sconcertato da un lato e meravigliosamente stupito dall'altro! Attraverso la tua Parola che il Papa e i sacerdoti ci donano, non manchi di metterci sulla buona strada, ci inviti a seguirti, ci dai sicurezza, ci insegni ad essere veri figli di Dio, pieni di fiducia in Lui e nella sua infinita misericordia che attraverso di Te si manifesta. Fa che impariamo anche ad ascoltarci reciprocamente e ad aiutarci a capire e a vivere quello che tu ci chiedi! Grazie Signore."