27 ottobre 2016


Anche oggi Dio piange davanti a calamità e guerre!

Anche oggi davanti alle calamità, alle guerre fatte per “adorare il dio denaro”, ai tanti innocenti uccisi dalle bombe, Dio piange. Lo ha sottolineato il Papa nell’omelia della Messa mattutina a Casa Santa Marta. “Dio oggi piange”, ha detto Francesco, per l’umanità che non capisce “la pace che Lui ci offre, la pace dell’amore”.

Nel Vangelo del giorno, Gesù definisce Erode “volpe” , dopo che alcuni farisei gli hanno riferito che vuole ucciderlo. E dice quello che succederà: “si prepara a morire”. Gesù poi si rivolge alla “Gerusalemme chiusa”, che uccide i profeti che gli sono inviati.

Allora cambia tono, sottolinea il Papa, e “incomincia a parlare con tenerezza”, “la tenerezza di Dio”. Gesù “guarda il suo popolo, guarda la città di Gerusalemme”. E quel giorno “pianse su Gerusalemme”. “E’ Dio Padre che piange qui nella persona di Gesù: ‘Tante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli come una chioccia i suoi pulcini sotto le ali e voi non avete voluto!’”:
“Qualcuno ha detto che Dio si è fatto uomo per poter piangere, piangere quello che avevano fatto i suoi figli. Il pianto davanti alla tomba di Lazzaro è il pianto dell’amico. Questo è il pianto del Padre”.

Il pensiero va quindi al padre del figliol prodigo, quando gli chiede l’eredità e se ne va via. Quel padre non è andato dai suoi vicini a dire: “Ma guarda, guarda cosa mi è accaduto! Ma questo povero disgraziato cosa mi ha fatto! Ma io maledico questo figlio …”. Non ha fatto questo, prosegue il Papa. “Sono sicuro, forse se ne è andato a piangere da solo”:
“E perché dico questo? Perché il Vangelo non dice questo, dice che quando il figlio tornò lo vide da lontano: questo significa che il Padre continuamente saliva sul terrazzo a guardare il cammino per vedere se il figlio tornava. E un padre che fa questo è un padre che vive nel pianto, aspettando che il figlio torni. Questo è il pianto di Dio Padre. E con questo pianto il Padre ricrea nel suo Figlio tutta la creazione”.

E il pensiero di Francesco va anche al momento in cui Gesù con la croce va al Calvario: alle pie donne che piangevano, dice di piangere non su di Lui, ma sui propri figli. Dunque un “pianto di padre e di madre che Dio anche oggi continua a fare”:
“Anche oggi davanti alle calamità, alle guerre che si fanno per adorare il dio denaro, a tanti innocenti uccisi dalle bombe che gettano giù gli adoratori dell’idolo denaro, anche oggi il Padre piange, anche oggi dice: ‘Gerusalemme, Gerusalemme, figlioli miei, cosa state facendo?’. E lo dice alle vittime poverette e anche ai trafficanti delle armi e a tutti quelli che vendono la vita della gente. Ci farà bene pensare che il nostro Padre Dio si è fatto uomo per poter piangere e ci farà bene pensare che nostro Padre Dio oggi piange: piange per questa umanità che non finisce di capire la pace che Lui ci offre, la pace dell’amore”.


Comments 2

2. Ivi , Friday, October 28, 2016, 05:57:

Grazie x l'omelia illuminata. Davvero la Sua "potenza genitoriale" si rivela nell'accoglierci nonostante l"impotenza che il ns. Agire sconsiderato e la fragilità della natura porta. Mi unisco alla preghiera perché questa proposta di salvezza sia forza di conversione aiutandoci nel divenire segni concreti di speranza.

1. Adalberto , Thursday, October 27, 2016, 19:21:

Omelia meravigliosa !!! credo che dobbiamo vergognarci tutti e pentirci dei nostri peccati - e convertirci !!