ORACOLO DI OGGI

DIGNITÀ DEL CRISTIANO

1. Il cristiano figlio di Dio Padre.
Ogni persona, creata da Dio, e da Lui dotata di ragione, da Lui conservata, è figlia di Dio. Per tutti gli uomini sorge il sole, la terra germoglia, la Provvidenza provvede; Dio è il Padre universale, e il cristiano, in particolare, per adozione diviene figlio di Dio, cui concede quanto ha di più caro; è partecipe delle carezze di Dio, ed erede dei beni, dei godimenti di Dio. Tu, cristiano, come il prodigo, non sperperi tante grazie col peccato?

2. Il cristiano membro di Dio Figlio.
In virtù del Battesimo, ogni cristiano si unisce così intimamente a Gesù mediante la fede, la carità e la grazia, che San Paolo ci dice: Voi siete il corpo di Cristo e membra delle membra di Lui. Come due amici, per l'amore che li lega, non sono più due volontà, due cuori, ma quasi un cuor solo; così il cristiano con Gesù. Ma come osi gettare nel fango della impurità un membro di Cristo? Getta, dunque, il Crocifisso nel fango... Tu non osi... Ed osi degradare il tuo corpo nelle bruttezze del vizio impuro?

3. Il cristiano tempio dello Spirito Santo.
Lo spirito, la grazia di Dio entra nel cuore del battezzato, e ne santifica ogni pensiero, ogni parola, ogni opera. Lo Spirito Santo in noi prega, ci stimola al bene, ci muove ad atti di fede, di carità e rende meritoria per il Cielo ogni azione, fatta in grazia di Dio. Iddio, dunque, abita in me; Egli è il Dio del mio cuore; come, dunque, standomi così vicino, ardisco offenderlo?

PRATICA: Recita gli atti di fede, speranza e carità.


* * * * * * * * * *

Preghiera da recitare almeno una volta al giorno per tutto il mese di Aprile:
PREGHIERA
Signor mio Gesù Cristo, riconoscendovi per mio Dio, mio Salvatore e mio tutto, mi umilio davanti a Voi e mi glorio di esser vostro servo fedele. Come Voi deste per me il sangue, la vita, t'anima, la divinità, io dono a Voi tutto me stesso senza sottrarre neppure un palpito del mio cuore all'intera offerta che faccio di me. A Cristo tutto e per sempre; a Cristo nell'abbondanza, a Cristo nella povertà; a Cristo nell'allegrezza, a Cristo nelle lacrime; a Cristo nelle consolazioni, a Cristo nelle desolazioni; a Cristo negli onori, a Cristo nell'ignominia; a Cristo in ogni cosa e per sempre. A Cristo in vita, a Cristo in morte; a Cristo sulla terra, a Cristo in Cielo; a Cristo nel tempo, a Cristo nell'eternità. A Cristo per sempre. Così sia.

Santi protettori del mese di Aprile:
S. Giuseppe, o S. Caterina da Siena, o S. Vincenzo Ferrer.

Giaculatoria da recitare almeno una volta al giorno per tutto il mese di Aprile:
Gesù, siatemi Gesù, e salvatemi!

Virtù da esercitare per tutto il mese di Aprile:
L'umiltà: è la riconoscenza ai benefizi di Dio.



ARRIVEDERCI A DOMANI!

Lunedì,
22 Aprile 2019


Oggi la Chiesa ricorda:
S. Gaio, Sotero, Leonida

Liturgia di oggi:
(rito romano):
At 4,13-21; Sal 117; Mc 16,9-15
Ti rendo grazie, Signore, perché mi hai risposto

(rito ambrosiano):
At 3, 12b-16; Sal 64 (65); 1 Tm 2, 1-7; Gv 21, 1-14

Frase del giorno:
Sforzatevi di fare quello che potete (P. Pio)

Proverbio di oggi:
Non c'è medicina per uno sciocco (Giappone)

Simbolo

* * * * *
Ops! E' possibile rivedere l'oroscopo di ieri?