ORACOLO DI IERI

BARABBA

1. Chi era Barabba?
Pilato per liberare Gesù giocò d'astuzia. Volle metterlo a confronto col peggiore dei malfattori; Barabba era un ladro, scrive san Giovanni; un insigne ladrone, dice S. Matteo; un sedizioso omicida, scrive S. Marco. Quale feccia dei ribaldi, era temuto dovunque, e il suo nome era esecrato. Che paragone per Gesù!,.. E tu, nelle tentazioni, nel piegare al peccato, nell'ascoltare le insinuazioni perverse, non metti Gesù a confronto col demonio?

2. Chi è Gesù?
È un reo in apparenza, un condannato dagli uomini; ma egli è Gesù, Figlio di Dio, supremo Giudice del cielo e della terra. Chi lo segue, non sbaglia; chi lo serve, è un re; chi confida in Lui, è tranquillo; chi Lo ama, è felice; chi combatte con Lui, ottiene vittoria; chi soffre per Lui, diviene glorioso; chi per Lui muore, è salvo! O Gesù, quanto sei grande, amabile, nobile! Ed io mi vergogno di seguirti?

3. Barabba vince.
A tale confronto, Pilato tiene sicura la vittoria di Gesù; ma il popolo istigato dai principali sacerdoti, grida: rilascia Barabba. Che sentenza iniqua! Scrive S. Anselmo: l'agnello è ucciso, il lupo salvato. Anima mia, ogni peccato è un preferire Barabba a Gesù... Ogni rispetto umano, ogni preferenza per il mondo è un gridare: Viva Barabba... Quante volte hai imitato i giudei in questo?

PRATICA: Vinci il rispetto umano; recita lo Stabat Mater o sette Ave Maria.


* * * * * * * * * *

Preghiera da recitare almeno una volta al giorno per tutto il mese di Marzo:
ORAZIONE DI SANT'AGOSTINO
O Redentore dell'anima mia, ecco ai piedi della vostra Croce un miserabile peccatore, per supplicarvi d'una goccia del vostro Sangue per lavare i suoi peccati. Mi riconosco colpevole delta vostra morte, e confesso d'avervi io, coi miei peccati, inchiodato su questa Croce. Pure. udendo che voi chiedete dal Padre pietà per i crocifissori, oso invocare la vostra misericordia. Trafiggete, con un chiodo delle vostre mani, questo durissimo cuore. Spargete sopra quest'anima una stilla del vostro Sangue. Rimirate, coi vostri occhi ardenti d'amore, questo mostro d'ingratitudine.
Io, sopraffatto dalla vostra carità, vorrei amarvi sopra ogni bene, e aborrire sopra ogni male il peccato, come cagione della vostra morte. Aiutatemi a farlo. Voglio morire prima di ritornare ad offendervi.

Santi protettori del mese di Marzo:
S. Giuseppe, S. Tommaso d'Aquino, L'Arcangelo Gabriele.

Giaculatoria da recitare almeno una volta al giorno per tutto il mese di Marzo:
Gesù Cristo crocifisso, abbi pietà di me.

Virtù da esercitare per tutto il mese di Marzo:
La mortificazione dei sensi.



ARRIVEDERCI A DOMANI!

Lunedì,
18 Marzo 2019


Oggi la Chiesa ricorda:
S. Alessandro di Gerusalemme

Liturgia di oggi:
(rito romano):
Mi 7,14-15.18-20; Sal 102; Lc 15,1-3.11-32
Misericordioso e pietoso è il Signore

(rito ambrosiano):
Is 31, 9b – 32, 8; Sal 25 (26); Ef 5, 1-9; Mc 6, 1b-5

Frase del giorno:
Mantenete sempre salde in voi l'umiltà e la carità (P. Pio)

Proverbio di oggi:
Il cane non dimentica il padrone. (Congo)

Simbolo