ORACOLO DI OGGI

LA FLAGELLAZIONE

1. Gesù spogliato.
Sebbene Pilato conosca Gesù innocente, non lo libera; ma per mitigare il furore dei giudei, lo condanna ai flagelli. Che ingiustizia!... Non lamentarti più delle ingiustizie che sono fatte a te! Immaginati il Redentore, trascinato in un atrio, spoglio delle sue vesti, comparire nudo in faccia alla sbirraglia!... Lui, modesto, bello per innocenza, verecondo di purità verginale... A ciò fu condotto dalle tue immodestie, dalle tue impurità. Domanda perdono ed emendati.

2. Gesù flagellato.
Considera i carnefici che, pieni di rabbia, alzano le robuste braccia, e con forza vibrano colpi tremendi sul delicatissimo corpo di Gesù, già indebolito dal sudore sanguigno dell'Orto e dai travagli della notte. Verghe tessute di spine, nervi durissimi, funi armate di ferro, squarciano la carne di Gesù! Si solcano le piaghe stesse, si scoprono le ossa!... Trenta carnefici!... Cinquemila e più furono le battiture... Chi non piangerebbe per pietà?

3. Gesù, l'Agnello di Dio.
Quel che più mette rabbia nei crudeli soldati è l'atteggiamento paziente di Gesù, il quale, come l'agnello che sotto il ferro non bela, non da un lamento. Per le piaghe, per il sangue versato è reso irriconoscibile; è quasi un verme calpestato! Eppure, non dice nulla. Se i carnefici gli leggessero in cuore con quanto amore soffre per noi, il loro furore si cambierebbe in affetto. Tu conosci l'amore di Gesù e perché non l'ami?

PRATICA: Fa una penitenza; e recita il Miserere.


* * * * * * * * * *

Preghiera da recitare almeno una volta al giorno per tutto il mese di Marzo:
ORAZIONE DI SANT'AGOSTINO
O Redentore dell'anima mia, ecco ai piedi della vostra Croce un miserabile peccatore, per supplicarvi d'una goccia del vostro Sangue per lavare i suoi peccati. Mi riconosco colpevole delta vostra morte, e confesso d'avervi io, coi miei peccati, inchiodato su questa Croce. Pure. udendo che voi chiedete dal Padre pietà per i crocifissori, oso invocare la vostra misericordia. Trafiggete, con un chiodo delle vostre mani, questo durissimo cuore. Spargete sopra quest'anima una stilla del vostro Sangue. Rimirate, coi vostri occhi ardenti d'amore, questo mostro d'ingratitudine.
Io, sopraffatto dalla vostra carità, vorrei amarvi sopra ogni bene, e aborrire sopra ogni male il peccato, come cagione della vostra morte. Aiutatemi a farlo. Voglio morire prima di ritornare ad offendervi.

Santi protettori del mese di Marzo:
S. Giuseppe, S. Tommaso d'Aquino, L'Arcangelo Gabriele.

Giaculatoria da recitare almeno una volta al giorno per tutto il mese di Marzo:
Gesù Cristo crocifisso, abbi pietà di me.

Virtù da esercitare per tutto il mese di Marzo:
La mortificazione dei sensi.



ARRIVEDERCI A DOMANI!

Lunedì,
18 Marzo 2019


Oggi la Chiesa ricorda:
S. Alessandro di Gerusalemme

Liturgia di oggi:
(rito romano):
Mi 7,14-15.18-20; Sal 102; Lc 15,1-3.11-32
Misericordioso e pietoso è il Signore

(rito ambrosiano):
Is 31, 9b – 32, 8; Sal 25 (26); Ef 5, 1-9; Mc 6, 1b-5

Frase del giorno:
Mantenete sempre salde in voi l'umiltà e la carità (P. Pio)

Proverbio di oggi:
La persona che parte per un viaggio non è la stessa persona che torna (Cina)

Simbolo

* * * * *
Ops! E' possibile rivedere l'oroscopo di ieri?