18 Ottobre: San Luca, Evangelista

Luca, evangelista e autore degli Atti degli Apostoli, era medico e uomo di cultura.

Tra gli evangelisti è l’unico di origine non ebraica: nato ad Antiochia di Siria (Turchia), era un pagano convertito, divenuto compagno di Paolo nei suoi viaggi missionari e nelle sue prigionie. Egli scrisse il suo vangelo per i “gentili” convertiti, come lui, al cristianesimo.

Luca pone in luce l’universalità della salvezza e la predilezione di Cristo per i poveri; il suo vangelo offre testimonianze originali, come il vangelo dell’infanzia, le parabole della misericordia e alcune annotazioni che riflettono la sensibilità di Gesù verso i malati e i sofferenti. Scrisse basandosi sui racconti dei testimoni diretti, come le donne che seguivano il Maestro, tra le quali, naturalmente, c’era Maria. 

Negli Atti, Luca delinea la figura ideale della Chiesa, perseverante nell’insegnamento degli Apostoli e nella comunione di carità, nella frazione del pane e nelle preghiere, e ne narra l’espandersi oltre la Palestina, anche per merito dell’attività apostolica di Paolo, dall’Asia all’Europa, con tutte le difficoltà di questa universalizzazione.