Il 16 Luglio si festeggia la Beata Vergine del Monte Carmelo, un pò di storia..

B.V. MARIA DEL MONTE CARMELO

Le Sacre Scritture celebrano la bellezza del Carmelo dove il profeta Elia difese la purezza della fede di Israele nel Dio vivente. Ai tempo delle crociate alcuni eremiti cristiani scelsero di condurre la vita contemplativa su questa montagna sacra, nei pressi di Nazaret, dove la Vergine Maria aveva vissuto “custodendo la Parola di Dio nel suo cuore”.

Da meditare…

Quando si fece la ricognizione delle spoglie mortali di S. Alfonso Maria de’ Liguori, rimaste sottoterra per 28 anni, mentre apparvero infradiciti e polverizzati il rocchetto, il camice di lino e ogni altra veste con cui era stato composto il sacro corpo, soltanto l’Abito del Carmine fu trovato intatto da ogni tarlo e corruzione. Il fatto fu unanimemente riconosciuto come miracoloso. Anche Don Bosco fu sepolto con l’Abitino del Carmine che aveva sempre portato durante la vita. Quando nel 1929 si fece la  ricognizione del suo cadavere in presenza del Cardinal Gamba e di Monsignor Salotti, gli occhi degli astanti furono attratti dall’Abitino del Carmine e dal crocifisso che spiccavano nitidi sulle stoffe consumate. Oggi la riforma liturgica ha ridotto la festa della Madonna del Carmine a una semplice memoria facoltativa, ma è una memoria molto cara al cuore dei veri devoti di Maria.

Cos’è l’abitino del Carmine detto anche Scapolare?

Lo Scapolare della Madonna del Carmine è l’abito dei Carmelitani. Indossarlo significa appartenere alla famiglia del Carmelo. Lo Scapolare è chiamato anche “Abitino”, piccolo abito, perché riproduce in piccolo le dimensioni l’abito dell’ordine. Rivestire l’abitino significa consacrarsi a Maria, essere riconosciuti da Lei come figli prediletti. Rispondendo all’amore della Vergine Maria, i suoi devoti vivono sicuri della sua protezione nei pericoli della vita e nell’ora della morte. Lo Scapolare è formato da due pezzi di stoffa marrone collegati fra loro da un esile fettuccia o cordoncino, che hanno da una parte l’immagine di Nostra Signora del Carmelo e dall’altra il Cuore di Gesù, o lo stemma dell’Ordine carmelitano. Normalmente va portato attorno al collo. È una miniatura dell’abito carmelitano, per questo è di tela. Chi si riveste dello scapolare passa a far parte della famiglia carmelitana e si consacra alla Madonna. Lo scapolare è quindi un segno visibile dell’alleanza con Maria.

Risultati immagini per scapolare

Preghiamo…

O Maria, Madre del Carmelo, a Te consacro tutta la mia vita quale piccolo tributo per le tante grazie e benedizioni che attraverso le tue mani ho ricevuto da Dio. Tu guardi con particolare benevolenza coloro che indossano il tuo Scapolare. Ti supplico perciò di sostenere la mia fragilità con le tue virtù, di illuminare con la tua sapienza le tenebre della mia mente e di accrescere in me la fede, la speranza e la carità,  affinché possa ogni giorno renderti il tributo di umile omaggio. Il sacro Scapolare richiami su di me gli sguardi tuoi misericordiosi e sia pegno della particolare protezione nella lotta quotidiana, sì che io possa rimanere fedele al Tuo Figlio e a Te. Il tuo Scapolare mi tenga lontano da ogni peccato e mi doni ogni giorno la certezza che Tu sei vicino a me e il desiderio di imitare le tue virtù. D’ora in poi cercherò di vivere in soave unione con il tuo Spirito e di offrire tutto a Dio per mezzo tuo. O Madre dilettissima, il tuo indefettibile amore faccia sì che un giorno sia concesso anche a me, indegno peccatore, di trasformare il tuo Scapolare nell’eterna veste nuziale e di abitare con Te e con i Santi del Carmelo nel regno del Figlio Tuo. Così sia.