Il Giardino del Profeta

Nelle intenzioni di Gibran Il Giardino del Profeta doveva essere la seconda parte di una trilogia, avviata con il primo volume, Il Profeta, sui rapporti dell’uomo con se stesso, con la natura e con Dio. Il Giardino del Profeta rimase un’opera incompiuta e pubblicata postuma, mentre la terza parte della trologia non fu mai scritta.
La trama è il proseguimento di quanto iniziato con Il Profeta: Almustafa, il profeta appunto, è rimasto lontano dodici anni dalla sua patria, ma finalmente può farvi ritorno. Ritorna al suo Giardino, alla tomba di sua madre e di suo padre. Ritorna alla sua gente, che l’attende con speranza, per nutrirsi ancora della sua saggezza. Un uomo tra gli uomini, pronto a donare i frutti maturi della sua anima a piene mani. Un profeta la cui voce si innalzò per rivelare l’uomo all’uomo, e i grandi enigmi della vita e della morte, della gioia e del dolore, la natura, il tempo e l’imperscrutabile mistero di Dio.

Sebbene non ai livelli elevati de Il Profeta, anche Il Giardino del Profeta è un testo da godere, ma ancor più da meditare.

Buona lettura!

16. «O Bruma, Sorella…»

Era ormai sera. Ed egli aveva raggiunto le colline. I suoi passi l’avevano condotto fra la bruma, e se ne stette ritto fra le rocce ed i bianchi cipressi, nascosto a tutte le cose, e parlò così: «O Bruma, mia sorella, bianco soffio non ancora rinchiuso in uno stampo, Ritorno a te, come un soffio […]

15. La Separazione

Poi per sette giorni e sette notti nessuno si presentò al Giardino, ed egli se ne rimase solo con i suoi ricordi ed il suo dolore; Poiché anche coloro che avevano ascoltato le sue parole con amore e pazienza si erano allontanati da lui alla ricerca di altri giorni. Venne solo Karima ed il silenzio […]

14. «La mia Anima è sovraccarica…»

E quando la notte fu scesa completamente, andò a far visita alla tomba di sua madre e si sedette sotto il cedro, che lì s’ergeva. Ed ecco che su nel cielo comparve l’ombra di una grande luce, ed il Giardino brillò come un gioiello prezioso sul seno della terra. Ed Almustafa nella solitudine del suo […]

13. «Al di là delle vostre Parole»

Ed un discepolo che aveva servito al tempio lo supplicò dicendo: «Maestro, insegnaci a far sì che le nostre parole siano come le tue, un canto ed un incenso per la gente». Ed Almustafa rispose dicendo: «Vi innalzerete oltre le vostre parole, ma il vostro sentiero manterrà un ritmo ed una fragranza, un ritmo per […]

12. «Nudo nel Meriggio»

Ed un mattino quando il sole era già alto, uno dei discepoli, uno dei suoi tre compagni di giochi dell’infanzia, gli si avvicinò dicendo: «Maestro, il mio abito è liso e non ne ho altri. Permettimi di andare alla piazza del mercato a vedere se riesco a procurarmi una nuova veste». Ed Almustafa guardò il […]

11. «Che dici tu di Dio?»

Ed il primo giorno della settimana, quando il suono delle campane del tempio cercò le loro orecchie, uno dei discepoli disse: «Maestro, sentiamo molto parlare di Dio da queste parti. E tu che cosa ce ne dici, chi è realmente Dio?». Si alzò in piedi in mezzo a loro, come un albero giovane che non […]

10. Pietre e Stelle

Ed un giorno, mentre Phardrous, il greco, passeggiava nel Giardino, inciampò in una pietra e si adirò. Si voltò, raccolse la pietra, dicendo a bassa voce: «O cosa morta sul mio cammino!» e la scagliò lontano. Ed Almustafa, l’eletto e l’amato, disse: «Perché dici: «O cosa morta»? E’ molto ormai che vivi in questo Giardino […]

9. «Gli Zoccoli delle Ore»

Ed una sera una grande tempesta si abbatté sull’isola ed Almustafa ed i suoi nove discepoli rincasarono e sedettero attorno al fuoco tranquilli e silenziosi. Allora uno dei discepoli disse: «Sono solo, maestro, e gli zoccoli delle ore battono con forza sul mio petto». E Almustafa si alzò in mezzo a loro e con voce […]

8. La Goccia di Rugiada

Ed un mattino, quando il cielo era ancora avvolto dal pallore dell’alba, camminavano insieme nel Giardino guardando ad oriente ed in silenzio ammiravano il sole nascente. E poi Almustafa fece segno con la mano e disse: «L’immagine del sole del mattino riflessa in una goccia di rugiada è pari al sole. Il riflesso della vita […]

7. «Maestro, ho Paura del Tempo…»

Ed un giorno mentre erano seduti all’ombra dei pioppi chiari, un discepolo disse: «Maestro, ho paura del tempo. Passa su di noi e ci priva della nostra giovinezza, ma cosa ci lascia in cambio?». Ed egli rispose dicendo: «Prendi una manciata di buona terra. Forse che vi trovi un seme od un verme? Se la […]

6. «Voi siete Spiriti…»

Allora uscì con la donna ed i nove discepoli fino alla piazza del mercato, e parlò alla gente, agli amici ed ai vicini, e v’era gioia nei loro cuori e nei loro occhi. Ed egli disse: «Voi crescete nel sonno e vivete totalmente la vostra vita nel sogno. Infatti tutti i vostri giorni li trascorrete […]

5. Karima e il Profeta

Ed una mattina mentre camminavano nel Giardino, comparve al cancello una donna, era Karima, colei che Almustafa aveva amato come una sorella nella sua infanzia. La donna rimase fuori, senza chiedere nulla, senza spingere il cancello, fissando il Giardino con brama e tristezza. Ed Almustafa vide il desiderio nei suoi occhi ed a passo veloce […]

4. Le «Nevi dei nostri Sogni»

Ed allora uno dei discepoli disse: «Parlaci di ciò che si agita nel tuo cuore in questo momento». Egli lo guardò, e nella sua voce v’era come un canto di stelle, e disse: «Quando sognate ad occhi aperti e ve ne state zitti ad ascoltare il vostro io più profondo, i vostri pensieri, come fiocchi […]

3. Il «Giardino di sua Madre e di suo Padre»

Ed Almustafa giunse a casa e ritrovò il Giardino di sua madre e di suo padre, entrò e chiuse il cancello affinché nessuno potesse seguirlo. E per quaranta giorni e per quaranta notti stette da solo in quella casa ed in quel Giardino, nessuno osò spingersi sino al cancello, poiché questo era chiuso e tutti […]

2. Il «Pane della Solitudine»

Li lasciò immediatamente e si diresse verso il suo Giardino, che era il Giardino di suo padre e di sua madre, ove ora riposavano con i loro antenati. Alcuni l’avrebbero seguito, perché si trattava di un ritorno a casa ed a lui non era rimasto alcun parente che potesse preparargli la festa di bentornato, come […]

1. Il Ritorno del Profeta

Almustafa, l’eletto e l’amato, che era al meriggio del suo giorno, ritornò all’isola natia nel mese di Tichreen, il mese delle rimembranze. E mentre la nave si avvicinava al porto, egli stava ritto a prua attorniato dai suoi marinai. Ed il suo cuore esultava per il ritorno a casa. Ed egli parlò e con il […]