Il Natale

Nel raccontarti questi fatti, penso al significato che tu dai al Natale e credo di indovinare. Forse non hai mai provato a guardare in cielo per vedere se ancora brilla quella stella che illuminò tutti i giorni e i tempi. La prossima volta cercala, la troverai!

Firma

Natale

Il Natale
Il bagliore di mille luci accende la nostra voglia di festa, particolarmente in certe occasioni in cui ancora si sente il sapore di una tradizione antica e piena di fascino. Allora i nostri sentimenti ci avvertono che c’è qualcosa di speciale.

Il Natale viene, e più in fretta di come si è avvicinato, se ne va. Come la nebbia del mattino, l’atmosfera di festa svanisce in un momento e ci lascia con la nostra nostalgia e con un poco di delusione. Forse non bastano le nostre luci e i nostri suoni. Forse non è sufficiente l’invito a gioire che viene dai nostri sentimenti. Forse i nostri regali sono belli sotto l’albero, ma dentro non contengono quello che promettono.

Alle nostre feste manca troppo spesso una luce, una voce: Gesù. Senza di lui l’allegria non è gioia, senza di lui alla festa manca la musica, al banchetto manca il vino. Solo se Gesù è nostro ospite la festa è ben riuscita; solo se lo invitiamo a far festa con noi possiamo fare l’esperienza della vera gioia. Se ne accorsero bene coloro che lo invitarono al banchetto di nozze (Gv 2,1-12): la sua presenza fu il motivo della riuscita della loro festa.

  • Ti preoccupi di «invitare» il Signore nella tua casa?
  • Sei capace di accorgerti che l’allegria superficiale ti lascia la bocca un po’ amara, mentre l’amicizia con Gesù ti dona la vera gioia?

Francesco Il prossimo Natale sarà così…