Breviario Laico, LA MASCHERA

Se tieni per troppo tempo la maschera, finisci per farla diventare la tua faccia.

Proverbio indiano

Leggo che questo è un proverbio indiano, non so con quanto fondamento. Sta di fatto che l’idea è azzeccata e colpisce indiscriminatamente, perché una qualche maschera l’abbiamo sempre nel nostro guardaroba spirituale. Alcune volte ci serve per proteggere la nostra intimità da ogni curiosità eccessiva, ed è allora una cosa buona. Altre volte, però, è un sotterfugio per celare le nostre vergogne e apparire perfetti, e allora può sconfinare in ipocrisia. Altre volte ancora è una sorta di visiera che ci isola dal resto del mondo perché si teme il confronto «a viso aperto». C’è, dunque, una negatività nel mascherarsi che può essere lieve quando è un gesto transitorio e giustificabile da debolezze o paure. Diverso è il caso prospettato dall’aforisma indiano: esso denuncia l’incrostazione permanente che deforma il volto in modo definitivo.

È appunto la falsità elevata a regola di vita ed è pericoloso mettersi su questa strada perché spesso non si può tornare indietro e si precipita di inganno in inganno, di menzogna in menzogna. Si arriva fino al punto di mentire a se stessi e progressivamente la falsità si trasforma in pseudoverità. Dobbiamo, però, dire che può verificarsi anche quello che affermava lo scrittore moralista francese La Rochefoucauld nelle sue Massime: «Si può essere con l’inganno più furbi di un altro, ma non sempre più furbi di tutti gli altri». Giunge, infatti, il momento in cui o per nostra debolezza o per particolare perspicacia dell’altro, ci viene strappata a forza la maschera e, per usare la famosa espressione, il re diventa nudo. Il nostro orgoglio sarà frustato in faccia e le illusioni create attorno a noi si scioglieranno come neve al sole, lasciando solo l’amara realtà del vero nostro volto.

Testo tratto da: G. Ravasi, Breviario laico, Mondadori