Breviario Laico, LE LUCI DEL PALCO

La notte spegnerà le luci del palco, il nostro canto e questa città; chissà se rimarrà il senso profondo del nostro incontro in un mondo senza pietà. L’amore insegna agli uomini di non lasciarsi mai, di unire le nostre solitudini, di non tradirsi mai.

Antonello Venditti

Sento in lontananza, nella quiete della notte estiva, gli echi di un cantante di qualche festa popolare organizzata per questi giorni di ferie dai vari enti locali. Non so cosa canti, ma mi viene l’idea di riprendere una citazione che mi aveva inviato tempo fa un mio giovane lettore. Egli mi aveva spedito il testo della canzone Il coraggio e l’amore del cantautore romano Antonello Venditti. Il testo è adatto anche a quella cornice che ho sopra evocato. Si immagina, infatti, che a notte fonda le luci del palco si spengano, la folla sciami verso le case e che rimangano due innamorati.

Forse proprio in quella sera hanno sentito scoccare la scintilla dell’amore che dà un senso profondo al loro incontro. Il mondo in cui sono immersi è spesso spietato; si è sempre in sospetto, con l’attacco pronto e la difesa mai abbassata. Eppure l’amore ritorna sempre a sbocciare, a unire le solitudini creando un abbraccio pieno di vita e di calore, a non far cadere mai nel tradimento e nell’inganno. La canzone prosegue, però, con una punta di amarezza: ripete infatti ossessivamente «chi lo sa?» e l’oggetto di questo dubbio è appunto la permanenza dell’amore, oltre questa notte e oltre questo mondo senza pietà. Ma l’importante è per ora tener stretto questo amore dolce e forte, che infrange la solitudine.

Testo tratto da: G. Ravasi, Breviario laico, Mondadori