Martedì della 5.a settimana dopo il martirio di San Giovanni il Precursore

Memoria di S. Teresa di Gesù Bambino, vergine e dottore della Chiesa

Teresa nacque ad Alençon in Francia nel 1873 da una famiglia di grande fede.
A quindici anni entrò nel Carmelo di Lisieux, dove già era stata preceduta dalle sorelle Paolina e Maria.
Coltivò soprattutto le virtù dell’umiltà, della semplicità, della pazienza nelle prove, della fiducia in Dio.
Seguì con animo lieto la sua «piccola via» alla perfezione, proponendosi l’ideale evangelico della «infanzia spirituale», e incitò molti a camminare su questa strada, soprattutto le novizie che le erano state affidate.
Nel 1895 per ordine della priora iniziò a scrivere la storia della sua anima, preziosa testimonianza del suo itinerario interiore.
Per la salvezza degli uomini e la prosperità della Chiesa accettò la sofferenza fisica e il martirio del cuore nella certezza di rispondere così all’amore di Dio, e a soli ventiquattro anni consumò l’olocausto di sé stessa.
Pio XI la annoverò tra i santi nel 1925, e nel 1927 la proclamò patrona delle missioni cattoliche.
Il 19 ottobre 1997 fu dichiarata da papa Giovanni Paolo II dottore della Chiesa.

ALL’INGRESSO
Il Signore la protesse e ne ebbe cura, la tenne cara
come la pupilla dei suoi occhi; come un’aquila dal volo
possente, la prese e la portò per vasti cieli.

LETTURA Gd 1, 17-25
Lettura della lettera di san Giuda apostolo

Carissimi, ricordatevi delle cose che furono predette dagli apostoli del Signore nostro Gesù Cristo. Essi vi dicevano: «Alla fine dei tempi vi saranno impostori, che si comporteranno secondo le loro empie passioni». Tali sono quelli che provocano divisioni, gente che vive di istinti, ma non ha lo Spirito. Voi invece, carissimi, costruite voi stessi sopra la vostra santissima fede, pregate nello Spirito Santo, conservatevi nell’amore di Dio, attendendo la misericordia del Signore nostro Gesù Cristo per la vita eterna. Siate misericordiosi verso quelli che sono indecisi e salvateli strappandoli dal fuoco; di altri infine abbiate compassione con timore, stando lontani perfino dai vestiti, contaminati dal loro corpo. A colui che può preservarvi da ogni caduta e farvi comparire davanti alla sua gloria senza difetti e colmi di gioia, all’unico Dio, nostro salvatore, per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore, gloria, maestà, forza e potenza prima di ogni tempo, ora e per sempre. Amen. 

SALMO Sal 124 (125)

L’amore del Signore circonda il suo popolo.

Chi confida nel Signore è come il monte Sion:
non vacilla, è stabile per sempre.
I monti circondano Gerusalemme:
il Signore circonda il suo popolo,
da ora e per sempre. R

Non resterà lo scettro dei malvagi
sull’eredità dei giusti,
perché i giusti non tendano le mani
a compiere il male. R

Sii buono, Signore, con i buoni
e con i retti di cuore.
Ma quelli che deviano per sentieri tortuosi
il Signore li associ ai malfattori.
Pace su Israele! R

VANGELO Lc 20, 20-26
✠Lettura del Vangelo secondo Luca

In quel tempo. Gli scribi e i capi dei sacerdoti si misero a spiare il Signore Gesù e mandarono informatori, che si fingessero persone giuste, per coglierlo in fallo nel parlare e poi consegnarlo all’autorità e al potere del governatore. Costoro lo interrogarono: «Maestro, sappiamo che parli e insegni con rettitudine e non guardi in faccia a nessuno, ma insegni qual è la via di Dio secondo verità. È lecito, o no, che noi paghiamo la tassa a Cesare?». Rendendosi conto della loro malizia, disse: «Mostratemi un denaro: di chi porta l’immagine e l’iscrizione?». Risposero: «Di Cesare». Ed egli disse: «Rendete dunque quello che è di Cesare a Cesare e quello che è di Dio a Dio». Così non riuscirono a coglierlo in fallo nelle sue parole di fronte al popolo e, meravigliati della sua risposta,
tacquero. 

DOPO IL VANGELO
Mi sei venuto incontro, o Dio, con larghe benedizioni,
mi hai allevato fin dall’infanzia, e ancora non arrivo
a comprendere la profondità del tuo amore.

ALLO SPEZZARE DEL PANE
Per te mi conservo pura e ti corro incontro,
mio Sposo, con la lampada accesa.

ALLA COMUNIONE
Quanto è grande, o Dio, la misura della tua dolcezza,
che riservi per quelli che ti amano!
A te vengo, dolcissimo Signore!