Visitazione della Beata Vergine Maria

VISITAZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Festa del Signore

Festa del «Magnificat», la Visitazione prolunga ed espande la gioia messianica della salvezza.Maria, arca della nuova alleanza, è «teofora» e viene salutata da Elisabetta come Madre del Signore.La Visitazione è l’incontro fra la giovane madre, Maria, l’ancella del Signore, e l’anziana Elisabetta, simbolo degli aspettanti di Israele.La premura affettuosa di Maria, con il suo cammino solerte (cfr Lc 1, 39), esprime insieme con il gesto di carità anche l’annuncio che i tempi si sono compiuti.Giovanni che sussulta nel grembo materno inizia già la sua missione di precursore.Il calendario liturgico tiene conto della narrazione evangelica che colloca la Visitazione entro i tre mesi fra l’annunciazione e la nascita del Battista (cfr Lc 1, 56).

ALL’INGRESSO
Cfr. Lc 1, 43

Elisabetta dice a Maria:
«Perché a me sei venuta, Madre del mio Signore?
Se l’avessi saputo, sarei uscita a te incontro.
Tu porti in grembo il Re dell’universo,
io solamente un profeta;
tu colui che dà la legge, io colui che la osserva;
tu la Parola che salva,
io la voce che ne proclama l’avvento».

Si dice il Gloria

ALL’INIZIO DELL’ASSEMBLEA LITURGICA

O Dio onnipotente ed eterno, che nel tuo disegno di grazia
hai ispirato alla beata Vergine, divenuta madre del Redentore,
di visitare santa Elisabetta,
donaci di essere docili all’azione del tuo Spirito
e di magnificare con Maria il tuo santo nome.
Per Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore e nostro Dio,
che vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

LETTURA
Ct 2, 8-14
Il mio amato viene saltando per i monti.

Lettura del Cantico dei Cantici.

Una voce! L’amato mio!
Eccolo, viene
saltando per i monti,
balzando per le colline.
L’amato mio somiglia a una gazzella
o ad un cerbiatto.
Eccolo, egli sta
dietro il nostro muro;
guarda dalla finestra,
spia dalle inferriate.
Ora l’amato mio prende a dirmi:
«Àlzati, amica mia,
mia bella, e vieni, presto!
Perché, ecco, l’inverno è passato,
è cessata la pioggia, se n’è andata;
i fiori sono apparsi nei campi,
il tempo del canto è tornato
e la voce della tortora ancora si fa sentire
nella nostra campagna.
Il fico sta maturando i primi frutti
e le viti in fiore spandono profumo.
Àlzati, amica mia,
mia bella, e vieni, presto!
O mia colomba,
che stai nelle fenditure della roccia,
nei nascondigli dei dirupi,
mostrami il tuo viso,
fammi sentire la tua voce,
perché la tua voce è soave,
il tuo viso è incantevole».

Parola di Dio.

SALMO
Sal 44 (45), 2. 4. 14-15. 17.18

La tua visita, Signore, ci colma di gioia.

oppure (nel Tempo Pasquale):

Alleluia, alleluia, alleluia.

Liete parole mi sgorgano dal cuore:
io proclamo al re il mio poema,
la mia lingua è come stilo di scriba veloce. R.

O prode, avanza trionfante,
cavalca per la causa della verità,
della mitezza e della giustizia. R.

Entra la figlia del re: è tutta splendore,
tessuto d’oro è il suo vestito.
È condotta al re in broccati preziosi;
dietro a lei le vergini, sue compagne,
a te sono presentate in gioia ed esultanza. R.

Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli;
li farai prìncipi di tutta la terra.
Il tuo nome voglio far ricordare per tutte le generazioni;
così i popoli ti loderanno in eterno, per sempre. R.

EPISTOLA
Rm 8, 3-13
Se Cristo è in voi, il vostro corpo è morto per il peccato, ma lo Spirito è vita per la giustizia.

Lettera di san Paolo apostolo ai Romani.

Fratelli, ciò che era impossibile alla Legge, resa impotente a causa della carne, Dio lo ha reso possibile: mandando il proprio Figlio in una carne simile a quella del peccato e a motivo del peccato, egli ha condannato il peccato nella carne, perché la giustizia della Legge fosse compiuta in noi, che camminiamo non secondo la carne ma secondo lo Spirito.
Quelli infatti che vivono secondo la carne, tendono verso ciò che è carnale; quelli invece che vivono secondo lo Spirito, tendono verso ciò che è spirituale. Ora, la carne tende alla morte, mentre lo Spirito tende alla vita e alla pace. Ciò a cui tende la carne è contrario a Dio, perché non si sottomette alla legge di Dio, e neanche lo potrebbe. Quelli che si lasciano dominare dalla carne non possono piacere a Dio.
Voi però non siete sotto il dominio della carne, ma dello Spirito, dal momento che lo Spirito di Dio abita in voi. Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, non gli appartiene. Ora, se Cristo è in voi, il vostro corpo è morto per il peccato, ma lo Spirito è vita per la giustizia. E se lo Spirito di Dio, che ha risuscitato Gesù dai morti, abita in voi, colui che ha risuscitato Cristo dai morti darà la vita anche ai vostri corpi mortali per mezzo del suo Spirito che abita in voi.
Così dunque, fratelli, noi siamo debitori non verso la carne, per vivere secondo i desideri carnali, perché, se vivete secondo la carne, morirete. Se, invece, mediante lo Spirito fate morire le opere del corpo, vivrete.

Parola di Dio.

Cfr. Lc 1, 39. 44

Alleluia.
Maria si mise in viaggio,
sollecita, verso la montagna;
alla voce del suo saluto,
Giovanni sussultò di gioia
Elisabetta trasalì di gioia.
Alleluia.

VANGELO
Lc 1, 39-56
La visitazione.

Lettura del Vangelo secondo Luca.

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».
Allora Maria disse:
«L’anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente
e Santo è il suo nome;
di generazione in generazione la sua misericordia
per quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva detto ai nostri padri,
per Abramo e la sua discendenza, per sempre».
Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.

Parola del Signore.

DOPO IL VANGELO
Lc 1, 45-46

Beata colei che ha creduto nell’adempimento della parola del Signore.
Allora Maria disse: «L’anima mia magnifica il Signore».

A CONCLUSIONE DELLA LITURGIA DELLA PAROLA

Verbo eterno di Dio,
che hai scelto per tua dimora il grembo verginale di Maria,
donaci di contemplare il mistero della sua visitazione
e di seguire l’esempio della sua carità operosa,
o Figlio di Dio e nostro fratello,
che vivi e regni nei secoli dei secoli.

Si dice il Credo

SUI DONI

O Dio onnipotente, che hai gradito
la carità sollecita di Maria, madre del tuo unico Figlio,
accetta i doni che ti offriamo e trasformali in sacrificio di salvezza.
Per Cristo nostro Signore.

PREFAZIO

È veramente cosa buona e giusta
renderti grazie,
o Dio di misericordia infinita.
Il profetico saluto di Elisabetta,
dettato dallo Spirito Santo,
manifesta la grandezza di Maria.
Giustamente fu detta beata
per aver creduto alla parola di salvezza;
e nel gesto di carità
la madre del Precursore
la riconobbe come madre di Dio.
Noi ora ci uniamo esultanti al cantico della Vergine,
magnificando umilmente il tuo nome
con le schiere degli angeli e dei santi,
nell’inno della lode perenne:
Santo…

ALLO SPEZZARE DEL PANE
Gl 2, 27

«Io sono in mezzo a Israele, – dice il Signore –
sono il vostro Dio, e non ce ne sono altri;
il mio popolo non sarà più umiliato».

ALLA COMUNIONE
Lc 1, 48-49

Tutte le generazioni mi chiameranno beata
perché grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente,
e santo è il suo nome.

DOPO LA COMUNIONE

Con il cuore e la voce di Maria
ti magnifichi, o Dio, la tua Chiesa
perché hai preparato grandi cose
a coloro che credono alla tua parola;
e come Giovanni sentì
la presenza nascosta di Cristo tuo Figlio,
così il popolo esultante
riconosca in questo sacramento
il suo Redentore e Signore,
che vive e regna nei secoli dei secoli.